Luis Suarez e Neymar del Barcellona / Insidefoto

Olimpiadi 2016 calcio – Per una volta non sarà l’attenzione principale della competizione, ma a Rio de Janeiro il calcio ci sarà e vorrà farsi vedere. Per la nazionale del Brasile, delusa dall’ultimo mondiale perso in casa e dalla medaglia d’argento conquistata a Londra 2012, l’Olimpiade di Rio è un’occasione per rifarsi e piazzare nella prestigiosa bacheca un altro trofeo. L’uomo simbolo della Selecao sarà Neymar che è anche il calciatore con il più alto valore economico tra tutti i 504 giocatori convocati – 288 uomini e 216 donne. Se Neymar sarà il capofila delle 16 squadre maschili, è la sua connazionale Marta, cinque volte migliore calciatrice del mondo per la FIFA, la stella che emerge tra le 12 squadre femminili. Il torneo di calcio di Rio 2016 partirà il 3 agosto, un paio di giorni prima della cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici 2016.

Il valore di mercato del campione che gioca nel Barcellona è di 100 milioni di euro e nessuno si avvicina a lui, anche perché gli altri big, come ad esempio Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, non faranno parte della spedizione olimpica con le rispettive nazionali. Il calciatore saprà sfruttare al meglio i Giochi e oltre alla conquista della medaglia d’oro vuole puntellare le sue revenue: a Rio giocherà con le nuove scarpe Jordan. Al di là di Neymar, il Brasile sembra proprio essere la squadra meglio organizzata. Tra chi vestirà la maglia verde-oro ci sarà il suo compagno di squadra al Barcellona Rafinha (12 milioni di valore, dati Transfertmarkt) e Felipe Anderson della Lazio, che incide sul valore complessivo della rosa per 19 milioni di euro. Con loro anche una vecchia conoscenza del calcio italiano: Marquinhos (30 milioni di valore di mercato).

Se la storia non dovesse andare come tutti i tifosi brasiliani sperano che vada, la nazionale più accreditata a indossare la medaglia d’oro è quella della Colombia. Teo Gutierrez, fuori quota, è uno dei pochissimi convocati che non gioca in patria: indossa la maglia dello Sporting Lisbona e per portarlo via dal Portogallo servono almeno 3,5 milioni di euro. Da non sottovalutare sono i campioni in carica del Messico, che vantano tra le loro fila Oribe Peralta, 3,5 milioni di euro di valore a 32 anni, autore a Londra 2012 di quattro gol.

La Corea del Sud potrà mettere in mostra l’esterno offensivo del Tottenham Son Heung-Min: è una delle promesse del cacio asiatico, ha 24 anni e costa già 25 milioni di euro. Il centrocampista del Chelsea John Obi Mikel (10 milioni) è la stella della Nigeria, ma nella stessa nazionale gioca un altro ‘italiano’: l’attaccante della Roma Umar Sadiq riscattato da Walter Sabatini a fine giugno per 2,5 milioni di euro. Tra le consorelle europee gli occhi sono sulla Germania: spiccano le presenze del difensore centrale del Borussia Dortmund Mathias Ginter (12 milioni) e dei gemelli Bender, Sven (Borussia Dortmund, 11 milioni) e Lars (Bayer Leverkusen, 18 milioni). La nazionale olimpica dell’Italia, come è noto, non è riuscita a qualificarsi.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here