Trigoria, il centro di allenamento della Roma, sta per cambiare volto. Secondo quanto riporta il quotidiano Il Tempo, infatti, la struttura assumerà un aspetto più moderno in modo tale da trasformarsi in una sorta di “seconda casa” per i giocatori giallorossi.

La prima novità in arrivo è il centro termale, dotato di sauna, piscina con acqua fredda e sistema bluetooth per sentire la musica mentre si recuperano le energie dopo un allenamento. Prevista anche l’introduzione di un campo di paddie, sport amato in modo particolare dal capitano Francesco Totti. Anche gli spogliatoi subiranno un rinnovamento e vedranno l’introduzione di una serie di schermi. Inoltre, sia il ristorante sia il bar sono in fase di ristrutturazione e verrà anche rinnovato anche l’ingresso principale con le bacheche dei trofei.

Se il progetto stadio di cui si parla da tempo dovesse andare a buon fine si punta anche a realizzare una nuova Trigoria. Il centor sarà posizionato vicino al Tevere, a nord dello stadio. Il centro comprenderà due campi e mezzo dotati di erba naturale e sarà circondato da un parco privato a nord e da uno pubblico a ovest. Prevista anche la realizzazione di una strada di accesso privata, pensata per consentire di accedere alle sedute di allenamento in modo privato.

Il nuovo centro allenamenti prevede la presenza di una struttura su due livelli oltre a un piano tecnico interrato, disposto lungo l’asse nord-sud.

Al piano terreno sarà posizionate la reception. Lo spazio maggiore sarà invece dedicato a una grande vasca d’acqua, palestra a doppia altezza, spogliatoi e stanze destinate a riabilitazione, fisioterapia, idroterapia e sauna. Non mancano nemmeno alcuni locali di servizio. All’estremità nord saranno invece inseriti alcuni spazi adatti a favorire momenti di ricreazione della squadra, ovvero la sala lounge e la sala video, oltre agli spogliatoi e ai servizi ignienici per i tecnici.

Salendo al primo piano, invece, il progetto prevede l’allestimento della sala da pranzo dei giocatori, ubicata in modo particolare da potersi affacciare su un’ampia terrazza esterna. Sarà inoltre realizzato un passaggio dedicato per poter raggiungere gli studi radiotelevisive della Roma.

Attorno al volume a doppia altezza della palestra si distribuiscono sale riunioni e locali a supporto di allenatori e tecnici. La porzione nord del primo piano è infine occupata dalle stanze singole dei giocatori, distribuite ai lati di un corridoio centrale.

Per quanto riguarda lo stadio, invece, altra iniziativa a cui la società giallorossa sta pensando da qualche tempo, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha sottolineato che a breve il progetto verrà preso in considerazione. “Il progetto è al Comune di Roma e stiamo aspettando che ci venga ufficialmente inviato con il parere sulla conformità rispetto all’interesse pubblico votato dall’assemblea capitolina. Siamo pronti ad esaminarlo”. 

1 COMMENTO

  1. Se non dovesse andare in porto il nuovo stadio della Roma sarebbe un disastro per il calcio italiano e per tutta l’Italia. Andrebbero in fumo migliaia di posti di lavoro e la possibilità di risollevare l’economia della Capitale.