Diritti tv, la Serie B esclude le retrocesse: "Il paracadute è sufficiente"

Diritti tv paracadute serie B esclusione squadre retrocesse. L’Assemblea di Serie B riunitasi ieri nella sede di Sky a Milano ha preso atto dell’ampliamento del contributo retrocessione da parte della Lega…

Finale Champons league Milano aspetti economici

Diritti tv paracadute serie B esclusione squadre retrocesse. L’Assemblea di Serie B riunitasi ieri nella sede di Sky a Milano ha preso atto dell’ampliamento del contributo retrocessione da parte della Lega Serie A alle società che scendono in B.

All’unanimità si è deciso, per una più equa competizione del torneo, che dipende anche dal valore economico, di rimodulare i criteri distributivi della mutualità escludendo le tre retrocesse che già ne beneficeranno attraverso il paracadute.

“Non vogliamo – ha spiegato il presidente Andrea Abodi – penalizzare ma per riequilibrare una decisione presa dalla categoria superiore con una modalità diversa da quella collegiale e di condivisione che vorremmo fosse sempre adottata all’interno del sistema calcio”.

A proposito del paracadute retrocessione CF – calcioefinanza.it ha documentato nelle scorse settimane tutte le decisioni prese dalla categoria superiore. 

La serie A nel dettaglio ha fissato in 60 milioni di euro il paracadute per chi retrocede in serie B (e viene distribuito l’anno dopo).

La suddivisione assegnerà 25 milioni di euro a squadre che sono da 3 anni in serie A, 15 milioni di euro a squadre che sono da 2 anni in serie A e 10 milioni di euro per squadre che sono da 1 anno in serie A. In caso di quota residuale questa verrà destinata al club retrocesso con 3 anni di anzianità in serie A nel caso in cui questo non venga immediatamente promosso.