Il rilancio del Guerin Sportivo, 80 mila copie e occhio alla tradizione

Il nuovo Guerin Sportivo di Alessandro Vocalelli. Torna in edicola il Guerin Sportivo con la sua testata storica. Da oggi il mensile sportivo più antico del mondo, che da oltre…

nuovo camp nou

Il nuovo Guerin Sportivo di Alessandro Vocalelli. Torna in edicola il Guerin Sportivo con la sua testata storica. Da oggi il mensile sportivo più antico del mondo, che da oltre cento anni è in prima linea nei momenti cruciali della storia dello sport, torna a raccontare queste imprese con una veste grafica totalmente rivista, lo storico logo che ha fatto sognare intere generazione e un nuovo direttore: Alessandro Vocalelli. Lo riporta il quotidiano specializzato in comunicazione Daily Media.

Le novità riguardano anche i contenuti: il giornale si arricchisce di firme autorevoli, rubriche, splendidi poster, interviste e grandi inchieste. Inoltre, il periodico vivrà anche sui quotidiani Corriere dello SportStadio e Tuttosport con le rubriche settimanali ovviamente a base di calcio e con l’inconfondibile stile che lo contraddistingue dal 1912: irriverente, diretto e passionale. La tiratura sarà di 80 mila copie, mentre l’inserito pubblicitario si attesta a sedici pagine sulle 178 di foliazione. E nelle intenzioni si punta a raggiungere la quota di 20 pagine ad uscita.

«È motivo di grande orgoglio poter dirigere il Guerin Sportivo e presentare il nuovo numero da oggi in edicola – commenta il nuovo Alessandro Vocalelli -, una rivista sempre più ricca e all’avanguardia, al servizio dei suoi fedelissimi lettori, impreziosita anche da una moderna veste grafica».

Il Guerino è pronto a lanciarsi nel futuro rispettando la sua storia leggendaria: un mix di innovazione e tradizione. Lo stile è quello che contrassegna da sempre il Guerino: approfondire ogni argomento, scoprire nuovi personaggi, assumere posizioni anche scomode e controcorrente, firmare inchieste e dossier, speciali ed esclusive, tenendo però sempre aperta anche una finestra sul passato, recente e lontano, per viaggiare da un’epoca all’altra, per raccontare storie e imprese indimenticabili.

Il piano di comunicazione messo in piedi per il lancio di questo storico numero è integrato e imponente: campagna tv sui canali Sky, pianificazione stampa e digital sui quotidiano Corriere dello Sport-Stadio e Tuttosport -, redazionali, Fake Cover sulle copie distribuite negli stadi italiani, visibilità di bordocampo nei principali campi di gioco della Serie A. Posting plan sui canali social del gruppo, partnership con pagine a target, campagna Facebook Ads e display a sostegno del progetto. Per le radio, le emittenti scelte sono Rds e Radio Italia.