Liga sponsor Movistar, il campionato spagnolo potrebbe nuovamente vendere i propri diritti di naming. Dopo l’addio a BBVA, i vertici del calcio iberico sono alla ricerca di uno sponsor, e l’azienda di proprietà del gruppo Telefonica sarebbe la prima sulla lista.

Pubblicamente la Liga non si è esposta a riguardo, anzi aveva annunciato di non stare cercando alcun nuovo sponsor dopo la scadenza (al prossimo 30 giugno) dell’accordo con BBVA. In realtà i lavori negli uffici continuano, perché i ricavi che garantirebbe la cessione del naming farebbero decisamente comodo.

Liga sponsor Movistar, il precedente logo del campionato spagnolo
Liga sponsor Movistar, il precedente logo del campionato spagnolo

La prima società sulla lista è appunto Movistar, che potrebbe mettere sul piatto una cifra vicina ai cinquanta milioni di euro l’anno, come svela Marketing Deportivo. Praticamente il doppio di quanto assicurava BBVA, che versava nelle casse del calcio spagnolo circa 25 milioni annui (l’ultimo contratto è stato un triennale da 72 milioni). Una cifra però simile a quella che Barclays spendeva (40 milioni di sterline, circa 50 milioni di euro) per vedere il proprio nome accanto al nome Premier League, almeno fino alla scorsa stagione, visto che dal prossimo anno il campionato inglese rimarrà senza sponsor.

Liga sponsor Movistar, la compagnia di telecomunicazioni è favorita
Liga sponsor Movistar, la compagnia di telecomunicazioni è favorita

Liga sponsor Movistar, le alterative

Movistar però non è l’unica interessata a prendere il posto di BBVA. Tra le pretendenti ci sarebbe anche Mahou, azienda produttrice di birra, anche se finora avrebbe ricevuto solo “no” alle offerte fatte alla Liga. Il problema per Mahou, nonostante le cifre siano simili a quelle proposte da Movistar, è la volontà dei vertici del campionato spagnolo di evitare l’associazione sport-alcool, motivo per cui l’azienda di telecomunicazioni sembrerebbe in vantaggio.

Liga sponsor Movistar, l'alternativa è Mahou, produttrice di birra
Liga sponsor Movistar, l’alternativa è Mahou, produttrice di birra

Comunque sia, negli uffici della Liga sono ancora al lavoro per studiare altre alternative e non arrivare impreparati (e senza alcuno sponsor) all’inizio della prossima stagione.

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here