San Siro finale Champions, i lavori al Meazza in vista dell’ultimo atto dell’ex Coppa Campioni del prossimo 28 maggio sono quasi terminati. «Il 70% dei lavori sono stati completati», ha confermato il Comune di Milano.

Come riporta la Gazzetta dello Sport nell’edizione milanese, in questi giorni nel capoluogo lombardo sono infatti presenti i 40 delegati Uefa che si dovranno occupare delle ultime verifiche sullo stato dei lavori. Delegati che, forse per la prima volta, sono sembrati soddisfatti. Certo, restano ancora alcuni aspetti da completare, ma la strada intrapresa dovrebbe portare ad avere tutto pronto per il big match del 28 maggio prossimo.

San Siro finale Champions, la mappa dei lavori pubblicata dalla Gazzetta
San Siro finale Champions, la mappa dei lavori pubblicata dalla Gazzetta

Tra i lavori completati ci sono le nuove panchine, i nuovi ingressi per le squadre in campo, la riqualificazione dei bagni, il nuovo terreno di gioco e il riassetto della tribuna rossa e della tribuna autorità. All’interno di San Siro restano da ridurre le barriere del primo anello, eliminare (temporaneamente) quelle del 3°, installare la nuova segnaletica, creare due sale executive nel setto­re arancio (sacrificando mille posti a sedere) e l’allargamento del museo. Sostanzialmente, quindi, per quanto riguarda lo stadio è stato realizzato tutto, con la capienza che da maggio scenderà così a 75mila spettatori.

San Siro finale Champions, cosa manca

Gli aspetti più critici riguardano infatti l’area intorno all’impianto: l’Uefa, riporta la Gazzetta, aveva richiesto per la zona del piazzale Axum la rimozio­ne della linea del tram e di ogni elemento che potesse tra­sformarsi in un ostacolo per l’afflusso degli spettatori. Lavori che dovrebbero, nelle idee del Comune, concludersi il 18 maggio, ad una decina di giorni cioè dalla partita. E resta da realizzare anche il Villaggio Champions nell’area ex Trotto, per il quale si è appena iniziato a sistemare l’area di proprietà di Snai (mentre le fan zone saranno in Darsena, in Stazione Centrale e, ultima novità, al Castello Sforzesco).

«Il 70% dei lavori sono stati completati e il piano procede rispettando alla lettera il cronoprogramma originario», il commento di Palazzo Marino. La delegazione Uefa resterà in città fino a venerdì, quando il Comune spera di ricevere una promozione a pieni voti. Anche perché il 28 maggio è sempre più vicino.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here