Non è ancora il calciatore numero uno nello sport marketing internazionale, ma è destinato a diventarlo nei prossimi anni. Almeno a giudicare dai risultati conseguiti finora sul campo e, in termini di immagine, fuori dal terreno di gioco. Neymar Jr, la stella brasiliana del Barcellona, secondo gli addetti ai lavori si appresta a prendere il posto di Messi e Cristiano Ronaldo, come giocatore più rappresentativo per i grandi brand globali.

Per ora può “consolarsi” con le statistiche in campo, che dicono che a parità di età Neymar ha fatto meglio sia del fuoriclasse argentino sia del fenomeno portoghese. Basti pensare che a 23 anni il talento brasiliano ha una media gol  di 0,62 reti a partita, superiore a quella di Leo Messi (0,60 gol a partita) e di Cristiano Ronaldo (0,37 gol a gara) quando avevano la sua età, ma attualmente guadagna meno del suo compagno di squadra e di CR7.

Ma c’è da scommettere che uno dei traguardi di Neymar e del suo entourage è quello di superare Messi e Ronaldo anche nella classifica delle sponsorizzazioni, da cui il brasiliano incassa 17 milioni di euro, meno dei 22 milioni di Messi e dei 27 milioni dell’uomo immagine Ronaldo.

Il futuro, però, anche per una questione anagrafica, sembra essere suo. Di recente il magazine britannico SportsPro, che si occupa degli aspetti finanziari legati al mondo sportivo, ha pubblicato la classifica dei 50 atleti con maggiore appeal commerciale nel mondo, ovvero quelli che attraggono maggiormente i grandi brand.

Secondo questo report, nel 2015, in cima a questa particolare classifica figurava la tennista canadese Eugenie Bouchard, mentre alle sue spalle si è posizionato l’asso brasiliano Neymar che già nel 2012 e nel 2013 era comparso nel report di Sports Pro, davanti ai due mostri sacri del calcio come Cristiano Ronaldo e Messi

In quel periodo infatti, Neymar riuscì ad interrompere il derby tra il fuoriclasse portoghese del Real Madrid e quello argentino in forza al Barcellona. Nel 2014 però non riuscì a ripetersi, anche alla luce dell’infortunio subito nel corso dei Mondiali in Brasile e alla concente sconfitta della Selecao nella semifinale contro la Germania.

Nella scorsa stagione invece, grazie alla vittoria della Liga, alla continuità nelle prestazioni e all’equilibrio instaurato con Messi e Suarez, Neymar si è classificato al secondo posto in termini generali, ma in prima posizione per quanto riguarda i calciatori.

Sono tantissime le multinazionali che dal 2010 in poi, hanno deciso di mettere sotto contratto il talenti brasiliano. La prima è stata Panasonic, il colosso dell’elettronica che gli garantisce 2.4 milioni di dollari annui fino al 2017. Nel 2011 poi venne il turno di Nike, che lo fece diventare testimonial grazie ad un contratto di 11 anni. Un altro top sponsor di Neymar è Claro, una tra le più grande compagnie di telecomunicazioni in Brasile. Tra gli altri ci sono anche Volkswagen, PokerStars e l’immancabile azienda di biancheria intima, Lupo.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here