Per la rimonta serve la miglior Juve… di Conte.

Per sperare di rivincere il campionato la Juventus deve riuscire a vincere almeno 22 delle prossime 27 partite ovvero collezionare 66 punti. Arriverebbe ad almeno 81 punti che sarebbero la base indispensabile per lottare fino all’ultimo. Una media punti degna appunto dell’ultima Juve di Conte (che fece 24 su 27).

Ovviamente le probabilità aumenteranno esponenzialmente se queste vittorie inizieranno ad arrivare già nelle 6 giornate da qui a Natale. A quel punto potrebbero cambiare gli scenari, ma resterebbe il maggiore ostacolo: le contendenti al titolo al momento sono 4, non una.

E’ quanto emerge analizzando l’andamento delle ultime 4 stagioni. Ovvero da quando la partecipazione italiana in Champions è ridotta a 3 squadre. Come già scritto da C&F la qualificazione Champions è vitale per i bianconeri che rischiano, senza i premi europei, di mettere a rischio i passi avanti a livello di bilancio fatti negli ultimi anni.

Ciò che qui interessa è prevedere approssimativamente quanti punti serviranno a fine campionato per centrare i tre obiettivi principali: scudetto, Champions League, Europa league.

In particolare bisogna ricordare che solo i primi due posti in classifica danno accesso diretto ai gironi di Champions mentre i play off per le italiane negli ultimi anni si sono rivelati sempre letali tranne in un caso. Quindi è lecito dire che per avere la certezza della Champions bisogna comunque avere un cammino da scudetto.

La vetta in questo momento è a 24 punti. Solo nel 2011-2012 (analizzando ripetiamo i quattro anni con sole 3 squadre in Champions) è stata inferiore: il Milan aveva 23 punti. La Juventus (21 all’undicesima) vinse alla fine con 84 punti.

Nei quattro anni la prima in classifica ha fatto in media 90 punti. La seconda 78,25, la terza 70,25, la quarta 65,25, la quinta 62,5 e la sesta (spesso ripescata in Europa grazie alla Coppa Italia) 59,25.

Significa che con circa 60 punti si può sperare di entrare in Europa League, tra 66 e 70 nei playoff di Champions con il terzo posto, da 80 in poi si lotta fino alla fine per il titolo.

80, e non 90 (ovvero la media punti della prima) perchè come ricordava un anno fa Max Allegri: “Vince il campionato chi fa un punto in più della seconda, non chi vince tutte le partite”.  In altre parole anche nell’anno del record bianconero (102 punti 2013/2014) sarebbero bastati 86 punti (uno più della Roma seconda a 85) anzichè 102 per vincere il titolo.

Allargando, per un attimo soltanto, l’analisi: la quota scudetto più bassa da quando (2004/2005) si gioca il campionato a 20 squadre è stata a 82 punti nel 2009/2010, titolo all’Inter che dopo 11 gare era prima a 28 punti, e nel 2010/2011: titolo al Milan che dopo 11 gare era primo a 23 punti.

Roberto Mancini, Lexus

Prima in classifica a 24 punti, e alla fine?

Un primo dato: in genere la media punti della prima in classifica dopo 11 giornate tende a diminuire nell’arco delle 38 giornate. Negli ultimi quattro anni è scesa in media del 4,8%. E’ successo 3 volte su 4.

L’unica volta che è salita è stato nel 2011-2012 (l’anno più simile all’attuale per livello della vetta e ammassamento nei primi posti) quando il Milan dopo 11 giornate guidava a 23 punti. Vinse poi la Juve a 84 (+5,42%).

Una avvertenza: non è importante qui sapere quale squadra è prima (inutile paragonare vecchie squadre e nuove squadre), ma solo quale è la quota della vetta a prescindere dal suo padrone, ovvero l’obiettivo da raggiungere per capire quanto sono probabili gli scenari di rimonta.

Tre gli scenari possibili.

Se la vetta manterrà la media punti attuale (2,18 a partita) è lecito aspettarsi una chiusura a 83 punti.

Se la media rispetterà l’andamento delle ultime quattro stagioni si potrebbe vincere il campionato anche a 80 punti.

Se invece si ricalcherà l’andamento del 2011/2012 (anno analogo all’attuale con la vetta più bassa dell’ultimo quadriennio e con il maggior ammasso nei primi posti) serviranno 88 punti per la vittoria.

L'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri

Quanto deve vincere la Juventus per rientrare in corsa?

Non siamo alla fantascienza del “deve vincerle tutte” ma poco ci manca. Di certo servono subito almeno 5 vittorie su 6 da qui a Natale.

Il problema che rimane è che la corsa non la si fa su una ma su quattro avversarie. E il suicidio di massa è altamente improbabile.

 

Le speranze dei tifosi bianconeri sono appese (ormai da due mesi circa) ad una frase: bisogna vincere una serie di partite consecutive.

Giusto. Ma quante? E una volta vinte queste partite, quante altre bisognerà vincerne per continuare a sperare?

Concretamente vincere molte partite consecutive ha solo un effetto, quello di rendere più probabile, prima o poi, una sconfitta. Non fosse così non esisterebbero i record.

Statisticamente, in altre parole, è meglio essere primi a un punto dalla seconda dopo qualche risultato negativo che dopo un filotto di vittorie consecutive.

Se, come abbiamo detto, la quota scudetto non sarà inferiore (probabilmente sarà di poco superiore) agli 80 punti, alla Juve serviranno almeno altri 66 punti da aggiungere agli attuali 15. Ovvero 22 vittorie su 27 gare.

Antonio Conte, sito web, social network

E quante sono le probabilità di ottenere le vittorie necessarie?

Si può giudicare guardando al recente passato (il recentissimo lascia davvero poche illusioni). Lo scorso anno nello stesso lasso di tempo la Juve vinse 17 partite (alla 11esima aveva già collezionato 9 vittorie). La Juve dei record di Antonio Conte, invece, ne vinse ben 24 su 27 dalla dodicesima all’ultima giornata. In precedenza sempre con Conte arrivarono 18 vittorie nel 2012/2013, esattamente come nel 2011/2012.

Nessuna altra squadra – eccetto appunto la Juve di Conte – ha vinto mai più di 17 partite delle ultime 27 in questi 4 anni: si fermò proprio a 17 partite il Milan di Max Allegri nel 2011/2012 anno del celebre testa a testa coi bianconeri imbattuti, e lo stesso Milan non fece meglio l’anno dopo (16 vittorie) quando rimontò dal decimo al terzo posto (centrando Champions league all’ultima giornata beffando della Fiorentina).

La prima Roma di Garcia (2013/2014) si fermò a 16 su 27 dopo lo strepitoso avvio (solo 12 lo scorso anno) mentre il primo Napoli di Benitez fece 14 su 27.

Andiamo oltre. L’attuale primato di vittorie consecutive in serie A appartiene all’Inter di Mancini (17 nel 2006/2007) mentre la Juve dei 102 punti (2013/2014) ne collezionò 12 di fila. La Roma di Spalletti ne fece 11 nel 2005/2006. A 10 vittorie consecutive sono arrivate invece 4 squadre diverse nella storia della serie A: l’ultima è stata la Roma di Garcia nel 2013-2014.

Anche senza scomodare record che al momento sono davvero impossibili per quanto fatto vedere fin qui dalla Juventus questi numeri fanno capire come anche solo un doppio filotto da 10 vittorie consecutive sarebbe qualcosa di assolutamente straordinario e mai visto prima nel campionato di serie A.

Per calcolare le probabilità Champions League (intesa come terzo posto) il gioco è presto fatto: bisogna sottrarre una dozzina di punti a quelli che servono per la vetta (quindi servono almeno 16-18 vittorie, ovvero l’andamento medio – straordinario – delle ultime stagioni), ed altri 10 punti in meno (quindi almeno 15 vittorie più una buona serie di pareggi) per poter centrare l’obiettivo di consolazione dell’Europa League.

Alla luce di questi numeri si può dire che la Juve può tornare a vincere il campionato solo a due condizioni:

1. con un impressionante filotto storico capace di inserirsi tra i primissimi della storia della Serie A

2. se nel frattempo ci sarà un suicidio di massa delle prime quattro in classifica che abbasserà sensibilmente la quota utile per conquistare la vetta

Le classifiche degli ultimi campionati infatti dicono almeno 2 squadre tra quelle che dopo 11 giornate hanno il rendimento di Inter, Roma, Napoli e Fiorentina riescono a raggiungere (e molto spesso a superare) gli 80 punti.

Questi gli scenari. A ciascuno il proprio giudizio sulle probabilità di riuscita.

3 COMMENTI

  1. Sarebbe interessante un ricalcolo aggiornato delle probabilità, ora che la Juventus ha vinto altre 10 partite di fila (11 in totale) e la serie è ancora aperta – un evento che, al momento in cui è stato scritto l’articolo era ritenuto, giustamente, assai improbabile. Adesso per raggiungere gli 81 punti ne occorrono 36, vale a dire 12 vittorie su 17, poco più di due su tre (se le rimanenti 5 partite fossero tutte sconfitte, a questo punto un’eventualità a sua volta piuttosto improbabile). Con 12 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte la Juventus raggiungerebbe quota 84, una plausibile soglia per la vittoria del titolo. Ovviamente sul piano puramente probabilistico, il Napoli, che ha 2 punti di vantaggio è favorito. Altrettanto ovviamente il risultato delle partite di calcio dipende da numerosi fattori in larga misura poco prevedibili, come lo stato di forma di protagonisti e antagonisti, eventuali infortuni o squalifiche, la tenuta mentale ed emotiva, l’impatto delle altre competizioni (CL, EL e Coppa Italia) in base anche alla lunghezza del percorso delle singole squadre, la sede (casa vs. trasferta) degli scontri diretti. Qui, ad esempio, la Juventus giocherà in casa contro Napoli e Inter, fuori con la Fiorentina …