Barcellona e Messi, un club ed un grande calciatore che da tanti anni ormai hanno dimostrato di saper vincere insieme. Ora però, mai come in questo caso, è il calciatore argentino ad aver bisogno dell’appoggio del suo club.

Infatti, il Barcellona e Leo Messi passano al contrattacco. Di ieri la notizia della richiesta da parte dell’Avvocatura di Stato, a nome dell’Agenzia delle Entrate, di una condanna a 22 mesi e mezzo di carcere del fuoriclasse argentino per frode fiscale ma il Barça non ci sta e sottolinea la divergenza d’opinione col pubblico ministero, che invece aveva chiesto l’archiviazione per Messi ritenendo che non fosse a conoscenza delle manovre del padre Jorge Horacio.

Il Barcellona, inoltre, ribadisce “affetto e solidarieta’” al giocatore e alla sua famiglia, confermando che “continuera’ a dare tutto il suo appoggio e aiuto in ambito giuridico, fiscale e amministrativo”.

In ultimo denuncia quasi una campagna contro il giocatore e a danno del club, citando una serie di “decisioni estreme totalmente inammissibili e aliene all’ambito strettamente sportivo che danneggiano il cammino positivo del club, la sua stabilita’ e gli atleti che ne fanno parte. La societa’ continuera’ a lavorare piu’ forte che mai per difendere i propri legittimi diritti ed e’ pronta per le nuove sfide che arriveranno”.

Anche la Leo Messi Management, l’azienda che gestisce i diritti d’immagine del giocatore, mette in evidenza come l’Avvocatura di Stato abbia di fatto smentito con la sua richiesta la tesi dei pm e annuncia per le prossime settimane nuove prove a supporto dell’innocenza del giocatore.

Dunque, il club catalano è più che mai vicino alla stella argentina, nella speranza che tra Messi ed il Fisco spagnolo, si trovi una soluzione che vada ben oltre il carcere richiesto per frode.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here