Stadio Napoli, la questione ‘San Paolo’ nella città partenopea è sempre all’ordine del giorno: la questione questa volta non riguarda il restyling della struttura di Fuorigrotta ma una convenzione ponte che duri fino alla fine della stagione, per poi firmarne una definitiva e che sia in linea con le richieste del club e del Comune.

Da parte del Comune di Napoli però, la volontà nel raggiungere un accordo su tale convenzione nel breve periodo sembrerebbe non esserci. Infatti, stamane il Consiglio Comunale ha rimandato la discussione e il via libera alla convenzione ponte per la gestione dello stadio ‘San Paolo’. L’aula compatta ha votato per il rispetto del calendario dei lavori che prevedeva una seduta mono tematica sulla sicurezza in città.

Presa contropiede dall’opposizione che ha contestato la modifica dei lavori prevista dalla conferenza dei capogruppo, la maggioranza conta di riproporre il voto sulla concessione al Calcio Napoli alla conclusione del dibattito sulla sicurezza.

Resta, dietro l’angolo però l’incognita del numero legale che potrebbe venire meno ancora una volta e far sospendere il dibattito in Consiglio Comunale. La concessione ponte dello stadio di Fuorigrotta (già scaduta) doveva essere varata nella scorsa seduta, sciolta, appunto, per la mancanza del numero legale.

Il motivo per cui il Comune di Napoli non ha ancora preso una decisione in merito a tale convinzione, è dovuto al continuo braccio di ferro tra, un gruppo di consiglieri che vorrebbero imporre al Napoli un canone maggiore rispetto a quello previsto e la giunta che ha, invece, l’interesse a far partire la proroga della concessione per poi concentrarsi sul progetto di restyling del San Paolo.

Nel caso in cui non si dovesse giungere ad un accordo per la convenzione ponte, il Napoli di Aurelio De Laurentiis, sarà costretto a pagare l’affitto del San Paolo di partita in partita. La prossima gara è in programma domenica 18 ottobre alle ore 15 contro la Fiorentina.

Nel caso in cui il Napoli dovesse pagare l’affitto del campo di partita in partita, si dovrà chiarire se la quota dell’affitto, maggiorata del 10 per cento, debba essere versata prima o dopo l gara.