Il prossimo 12 ottobre saranno aperte le buste con le offerte per i trofei appartenuti al glorioso corso del Parma, vincitore tra le altre cose di due edizioni della Coppa Uefa e di una Coppa delle Coppe.

Nel dettaglio, si tratta di tre coppe Italia, più la Supercoppa Italiana, la Supercoppa Europea e i gli altri tre già citati. I curatori fallimentari hanno deciso per l’asta lo scorso agosto, fissando la data di scadenza per la presentazione delle buste con le offerte allo scorso 11 settembre.

Se ci sarà una sola offerta, chi la presenterà si prenderà i trofei. Se ci saranno più offerte, si procederà con l’asta vera e propria, che partirà da una base di 50mila euro. Tale valore, come specifica il portale Parmafanzine, è stato determinato in base all’unica busta arrivata fino ad ora ai curatori fallimentari del Parma Fc, ed è quella del Parma 1913, che si è basata sulla perizia dei trofei fatta dal Tribunale.

Da chiarire c’è che, se e quando il Parma 1913 tornerà ad acquisire il marchio del club, prenderà con sé anche il suo palmares, anche se non dovesse vincere l’asta per i trofei: essi sono infatti solo una copia dell’originale, che non viene mai trattenuta dal club. Solitamente, questa viene rimessa in palio dalla federazione di appartenenza, in questo caso la Uefa, che a sua volta consegna una copia alla squadra vincitrice. Lo stesso accade con la Champions League e la Coppa del Mondo Fifa.

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here