Champions 2016 a Milano, la Galleria Vittorio Emanuele ospita il logo.Sarà la Galleria Vittorio Emanuele II di Milano, situata a due passi dal Duomo, a fare da sfondo del logo ufficiale della finale di Champions League del 2016 che si svolgerà proprio nel capoluogo lombardo allo stadio di San Siro. L’immagine ideata dalla Uefa è stata mostrata oggi in anteprima ai consiglieri comunali durante una commissione a Palazzo Marino dedicata ai lavori allo stadio Meazza di San Siro proprio in vista dell’appuntamento calcistico.

Particolare orgoglio è stato mostrato soprattutto dall’amministrazione comunale, che ha lavorato in collaborazione con Milan e Inter per far sì che la UEFA arrivasse a dare parere affermativo su San Siro come sede della finale: La Galleria è stata scelta come luogo iconico della cittàha spiegato l’assessore allo Sport, Chiara Bisconti -. Oltre alle linee che ricordano quello che viene definito il ‘Salotto’ di Milano, il logo presenta per la prima volta il nome della città non in inglese ma nella lingua del Paese ospitante”.

Nei giorni della finale, come è facile immaginare, sarà quindi particolarmente forte il fermento che si avvertirà in città per un evento così importante, ma per coinvolgere il maggior numero di persone possibile non sarà solo San Siro la location su cui si dovrà concentrare l’attenzione. L’asse fra piazza Duomo e piazza Castello, infatti, diventerà per quattro giorni sede di un “Festival Uefa”, con un campo da calcio a 5 o a 7 e il piedistallo su cui sara’ esposta la Coppa dalle grandi orecchie. L’ex Trotto ospiterà un villaggio attrezzato per 9mila ospiti. La serata di gala sarà alla Scala, aperta a 800 bambini. Ci saranno anche due “Fan Zone“, ciascuna per 15mila tifosi: si sta decidendo se farle a Pagano, in piazza Duca d’Aosta, alla Darsena, in piazza Gae Aulenti o all’Arco della Pace.

La preparazione in vista della partita della finale di Champions League in programma a San Siro sta intanto andando avanti: il punto su lavori e organizzazione è stato fatto oggi in commissione Sport dall’assessore Chiara Bisconti e dal direttore del settore Dario Moneta. I delegati Uefa torneranno a Milano nei prossimi giorni e a fine ottobre per verificare l’avanzare dei lavori, che non riguardano solo il Meazza. 

Si discuterà della mobilita’ e del “dressing” della città: “Per l’Uefa – ha spiegato Moneta – la finale di Champions è una grande festa. Così è stato negli ultimi 10-15 anni, e stiamo lavorando per questo, con attenzione, con prefettura e questura, per verificare le questioni di sicurezza”. Per Bisconti “siamo forti di altre esperienze, come Expo o l’incontro mondiale delle Famiglie, in cui Milano ha dimostrato di essere una città sicura e di guida, una città talmente all’avanguardia e internazionale che eventi come questo non possono che confermare”.

 

PrecedenteCalcio femminile, Tavecchio: “Esecutivo convocato per martedì”
SuccessivoParma, 5 anni inibizione a Manenti
Giornalista, laureata in Linguaggi dei media all'Università Cattolica di Milano. Esperienza soprattutto in siti internet e qualche incursione in TV e sulla carta stampata.