Udinese, Malagò visita il Friuli: “Volere è potere”. Il presidente del CONI Giovanni Malagò questa mattina ha voluto visitare in prima persona il nuovo stadio Friuli dove disputa le gare casalinghe l’Udinese e non ha potuto che restarne affascinato. Molti, nfatti, ormai da tempo non possono nascondere la propria stima per il lavoro che sta portando avanti la società friulana, spesso all’avanguardia, anche rispetto alle big, in aspetti importanti quali lo scouting e la possibilità di avere a disposizione uno stadio di proprietà, utile ad incrementare introiti e fatturati. Tutti aspetti fondamentali per chi vuole competere rispetto alle rivali.

Malagò ha quindi manifestato la sua ammirazione per lo stato in cui si trova ora il nuovo Friuli, un vero gioiello rispetto ad altri impianti ormai vecchi e fatiscenti: “Lo dico sempre: volere è potere – le sue parole – La famiglia Pozzo mi ha raccontato dei massacri burocratici e giuridici che ha dovuto subire, ma voglio sottolineare come l’Udinese sia stata unica nel riuscire a costruire il Nuovo Stadio, non cancellando l’impianto precedente e continuando a giocare anche nel corso dei lavori. Davvero i tifosi bianconeri sono molto fortunati per avere adesso un posto dove vivere la loro passione davvero unico. A Udine il calcio aiuta gli altri sport”.

Almeno per ora, invece, sembra essere stata momentaneamente accantonata una questione che recentemente aveva agitato diversi tifosi bianconeri, la possibilità di trasformare il nome dello stadio Friuli in “Dacia Arena” per sottolineare la volontà del main sponsor di partecipare in maniera attiva alla gestione dell’impianto.

L’incontro di questa mattina a Udine è stata inoltre l’occasione da parte di Malagò anche per firmare il documento di intesa con il club friulano per la concessione di spazi all’interno dell’impianto, dove troveranno posto le sedi del Coni Point e di alcune federazioni sportive provinciali e regionali.

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here