Riforma campionati, Abodi: “Serve una piattaforma comune”. Ormai da tempo si parla di una possibile riforma dei campionati che possa riguardare Serie A e Serie B, anche se finora si è arrivati solo a discussioni o poco più e niente di concreto è stato fatto. Su questo tema, che periodicamente torna di attualità, ha voluto intervenire anche Andrea Abodi, presidente della Lega Serie B, che non ha escluso la possibilità di sedersi a un tavolo per valutare cosa potrebbe essere fatto e accontentare, per quanto possibile, tutte le parti coinvolte.

La questione verrà comunque affrontata a breve, come ha confermato lo stesso Abodi: “Riforma campionati? Incontreremo il presidente Tavecchio e saremo i rappresentanti di tutte le componenti. Queste decisioni si prendono assieme. Se avessimo potuto decidere da soli lo avremmo fatto in questi 5 anni”.

Riuscire a trovare la quadra in un tema di così ampia portata sarà comunque tutt’altro che semplice e questo Abodi sembra saperlo bene: “Aspettiamo di trovare una piattaforma comune, ma io credo che la riforma vera non sia solo quella dei campionati ma la riforma del sistema in tutti i suoi aspetti. Non è solo la modifica del numero dei partecipanti ma una serie di scelte importanti che ci proiettano nei prossimi dieci anni di calcio in Italia per renderlo più competitivo e più credibile” – ha sottolineato a margine dell’iniziativa “Mille piazze per i nonni d’Italia”.

Soprattutto che ora ci avviciniamo all’Europeo, un appuntamento in cui la Nazionale di Antonio Conte si augura di fare bene e andare il più avanti possibile nella manifestazione, la riduzione delle squadre che partecipano alla Serie A tornerà a essere di forte attualità, anche se questo ovviamente non sarà possibile in vista del torneo previsto in Francia. Solo se davvero i club che partecipano al massimo campionato dovessero essere ridotti, infatti, si potrebbe pensare all’introduzione più frequente dei famosi “stage” per i giocatori azzurri tanto voluti dal ct, ma non è escluso che qualche altro ostacolo possa intervenire anche in questo caso.

 

PrecedenteFigc al fianco di “Medici senza Frontiere” nella campagna “Un parto sicuro salva due vite”
SuccessivoAgcom chiude sei siti illeciti dopo segnalazione di Mediaset
Giornalista, laureata in Linguaggi dei media all'Università Cattolica di Milano. Esperienza soprattutto in siti internet e qualche incursione in TV e sulla carta stampata.