Ritorna l’Internet Festival di Pisa, giunto alla sua quinta edizione, che quest’anno si svolgerà da giovedì 8 a domenica 11 ottobre e sarà incentrato su “Geografie ed esplorazioni delle Rete” per approfondire il concetto di spazio digitale e che vedrà ben 200 eventi. Ci sarà spazio anche per il calcio, visto però da un’angolazione digitale. Sabato 10 alle 17.15 l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, dialogherà con Carlo Annovazzi di Repubblica su “Lo spazio nello sport”: le dimensioni di un campo, i movimenti per coprirlo nel migliore dei modi, l’evoluzione dei tempi.

Allegri, che con la Juve ha vinto nella scorsa stagione campionato, Coppa Italia e ha raggiunto la finale di Champions League, è il primo allenatore nel mondo ad aver sviluppato e messo online sulle piattaforme una app dedicata allo sviluppo del calcio. Su un tablet o uno smartphone con MrAllegri Tactics sarà possibile capire i movimenti degli uomini all’interno del campo di gioco.

Tra gli eventi “extracalcistici” da segnalare non si può non citare il panel “Supernova”, organizzato da Talent Garden e Digital Magics, previsto per il 10 ottobre. Per l’occasione sarà presentato per la prima volta il White Paper, documento in sette punti redatto dalla stessa Digital Magics, da presentare al governo italiano su come favorire il processo di crescita del Paese, concentrandosi sulla promozione delle start up e dell’imprenditoria innovativa. Tra i relatori ci saranno Enrico Gasperini, fondatore e presidente di Digital magics e Layla Pavone, partner della stessa struttura.

Tra gli incontri dedicati al food, nell’anno dell’Expo, ecco arrivare l’edizione zero del Fas, il forum sull’alimentazione sostenibile e il viaggio nella seduzione estetica del cibo con FoodPorn.

Ma ci sarà spazio anche per la rete trattata dai filosofi e per il percorso dell’Agenda Digitale e delle pubbliche amministrazioni. «Da millenni, il controllo degli spazi fisici genera migrazioni, guerre, invasioni, ribellioni e repressioni. Gli spazi si conquistano, si difendono, si spartiscono. Ma non si creano. Cosa che invece accade in ambito digitale, una situazione senza precedenti. Poi gli spazi virtuali si riempiono e si organizzano. Di questi ambiti e delle nuove tribù umane vogliamo parlare a Pisa durante il festival», ha commentato il direttore della manifestazione Claudio Giua.