Ci sarà anche lo scoppiettante e verace Alberto Malesani tra i commentatori fissi del nuovo 90° Minuto, la storica rubrica sportiva della Rai, che quest’anno sara condotta da Paola Ferrari e Marco Mazzocchi e tornerà domenica alle 17.10 su Rai 2 con tante novità. Oltre all’allenatore veronese, di cui si ricordano alcune memorabili interviste e colorite conferenze stampa, tra gli ospiti fissi del 90° Minuto ci saranno anche l’ex ct dell’Italia Cesare Prandelli, l’attuale allenatore dell’Albania, Gianni De Biasi, oltre all’ex tecnico dell’Inter, Corrado Orrico e al giornalista scrittore Gianpaolo Ormezzano.

Insomma una squadra ben assortita che, secondo il direttore di Rai Sport, Carlo Paris, è composta da “mattatori”. “Un termine”, ha spiegato Paris, “che nella tv sentivo dire tantissimi anni fa e che oggi non si dice più”. “Ma noi”, ha continuato il direttore di Rai Sport, “abbiamo provato a far si’ che questa trasmissione abbia dei mattatori. Già ci siamo riusciti, perché Paola e Marco sono mattatori, cosi’ come tutti gli ospiti di un 90° Minuto extralarge, che si allarga a una fascia oraria molto lunga, dalle 17 alle 19.30”.

Mattatore lo sarà sicuramente Malesani, che gli appassionati ricordano non solo per le vittorie (i trofei conquistati con il Parma di Tanzi) e gli esoneri (l’ultimo nel 2014 dalla panchina del Sassuolo dopo 5 sconfitte in 5 gare), ma soprattutto per alcuni siparietti che ormai sono diventati dei cult sui social newtork e su Youtube. Dalla sfuriata davanti ai giornalisti greci quando era alla guida del Panathinaikos in difesa del presidente “Mister Varidoianis” all’ormai leggendario “Cosa vuol dire mollo? Io non sono mollo”, quando sedeva sulla panchina del Genoa.

90° Minuto, da quest’anno in formato extralarge

“Mai avere paura del nuovo”, ha spiegato Carlo Paris, “i percorsi più belli sono quelli su cui non si è ancora camminato”. Quanto alle scelte degli allenatori, su tutti Cesare Prandelli, che potrebbero trovare una sistemazione in corso d’opera, Paris è stato chiaro: “Le situazioni possono cambiare, ma noi partiamo da una certezza: per le prime due puntate Cesare sarà con noi”. “Farò il possibile per convincerli a restare”, ha scherzato Paola Ferrari. “Forniremo dati importanti sui calciatori”, ha spiegato la conduttrice, “e numeri da spiegare a casa”.

“Dobbiamo conquistare il pubblico che sta a casa la domenica pomeriggio, che è diverso da quella della sera che è più di approfondimento. Sarà bello scherzare e avere opinioni anche diverse. La credibilità non ci è mai mancata, ci possiamo divertire, la scenografia è molto bella e cambierà sempre colore: basta solo che me lo dite prima così saprò quale vestito mettere…”, ha detto ironicamente la conduttrice.

Tra le idee anche quella di aprire a personaggi dello spettacolo: “Ho strappato un si’ a Paolo Sorrentino, poi vediamo se verrà”, svela Paola Ferrari, che con Marco Mazzocchi completerà una coppia ormai rodata: “Lo scorso anno ci trovammo a parlare di pochissime partite”, chiarisce il conduttore, “invece creando questa squadra saremo bravi a fare una trasmissione con appeal anche se per assurdo ci sarà una partita sola. Vogliamo parlare di calcio in maniera alta e la scelta di eliminare la moviola va in questa direzione”. Rispetto allo scorso anno quest’anno le immagini delle partite del sabato saranno visibili dalle 17, mentre quelle della domenica dalle 18. Un’altra importante novità riguarda la durata della trasmissione, da quest’anno suddivisa in tre parti. Dalle 17.10, a pochi minuti dal fischio finale delle partite di giornata, all’interno di Novantesimo Zona Mista sarà possibile ascoltare le voci dei principali protagonisti del campionato. Dalle 18 spazio come di consueto a tutti i gol della giornata con commenti e approfondimenti degli ospiti in studio.