ipotesi accordo vivendi mediaset quote telecom vivendi mediaset progetto industriale
(Insidefoto.com)

L’eliminazione della Lazio dalla Champions league avrà conseguenze a 360° per il mondo del business legato al calcio. Se da una parte il ranking italiano potrebbe giovarsi di una squadra in Europa League in grado potenzialmente di raccogliere più punti rispetto alla Champions dall’altra i riflessi sul bilancio della Lazio saranno pesanti: Juve e Roma hanno ora una ventina di milioni in più di market poll televisivo (i soldi che vengono distribuiti dall’Uefa in base ai contratti tv nazionali) da dividersi.

Gli investimenti sostenuti dalle tv per il calcio quest’anno hanno caratterizzato il dibattito estivo e da tempo è noto il loro importo:

sky mediaset premium - investimenti sul calcio diritti tv

Al contempo tuttavia il mercato potrebbe essere meno “ricco” in termini di ascolto. Da giorni è in atto la campagna Mediaset per ribadire che la Juventus andrà sempre sui canali Premium a pagamento, ma a ben guardare oltre alla sfida degli abbonati la tv del biscione rischia di perdere preliminarmente quella degli inserzionisti: basta vedere gli ascolti tv delle gare con le italiane e le non italiane.

C&F ha elaborato a tal proposito due tabelle abbastanza esaustive sulla reale portata del mercato.

sky mediaset premium - audicence champions league 2012 2015

 

Come si vede nella tabella l’ascolto medio delle partite senza le squadre italiane crolla immediatamente.

Non solo, andando ad analizzare gli ascolti tv dell’ultima stagione la Juventus è prima ed è presente in sei incontri su dieci: su Sky è prima con 2,6 milioni di spettatori raggiunti nella partita contro l’Inter (share 9%), mentre su Mediaset è in testa nella trasferta a Napoli seguita da 1,4 milioni di persone (share  4,8%).

La  Juventus  occupa  anche tutte le prime posizioni possibili nella top della  Champions, superando gli 11 milioni di spettatori nella semifinale e nella finale in onda su Canale 5. La finale  con il Barcellona è anche la più  seguita su Sky con oltre 2,4 milioni di abbonati e il 9,6% di share, nonostante  l’alternativa e nonostante che i fan della Juve e della Champions abbiano dovuto seguire il decisivo ritorno di semifinale su Canale 5 che la  trasmise in esclusiva.

L’andamento complessivo degli ascolti della Champions  dipendono dalla presenza delle squadre italiane. L’eliminazione della Roma ha significato circa cinque milioni di spettatori in meno per i turni successivi su Canale 5 e un milione per Sky.

Ma Mediaset ha recuperato tutti i cinque milioni di spettatori, aveva  infatti  l’esclusiva  della  Europa League e la Roma ha prodotto  esattamente  cinque milioni di spettatori nella partita con il Feyenoord.

Il Barcellona è l’unica squadra estera  in  grado  di  produrre ascolti rilevanti anche in Italia: su Canale 5 la partita  con  il  Bayern Monaco è stata seguita  da 7,3 milioni di spettatori per uno share del 26 per cento. Barcellona vuol dire Liga e sono gli  incontri con il Real Madrid a  produrre gli ascolti più elevati  tra  le  partite  dei  campionati  esteri trasmessi sui nostri schermi, oltre 700mila spettatori.

In  terza posizione, Manchester City­ – Liverpool, seguita da altre tre partite di Premier League. Ed è  proprio il campionato inglese a  produrre la media più elevata tra i campionati esteri con 50mila  spettatori medi su Sky e 30mila su Mediaset; seguono la Liga spagnola (26mila vs 18mila), la Bundesliga, 15mila (su Sky) e la Ligue1 (12mila su Sky e 11mila su Mediaset).

1 COMMENTO