Watford, 20 milioni spesi sul mercato per rimanere in Premier

Watford, dopo un anno fantastico in Championship, arriva la Premier League. Dal canto suo il Watford è riuscita finora a suscitare l’interesse e la curiosità di molti esperti di Premier…

psg

Watford, dopo un anno fantastico in Championship, arriva la Premier League. Dal canto suo il Watford è riuscita finora a suscitare l’interesse e la curiosità di molti esperti di Premier League in quanto è il club professionista inglese che ha la maggior parte delle nazionalità all’interno della squadra. In totale, più di 22 nazionalità diverse coesistono all’interno del club.

Non ho mai avuto nella mia carriera di gestire il maggior numero di nazionalità diverse all’interno di una forza lavoro. Ma questa è una sfida brillante e le altre squadre non so che tipo di gioco dovremo pratica “ha poi sostenuto il tecnico spagnolo del Watford, Quique Flores. Il nuovo allenatore del Watford conta anche utilizzare questa novità per aiutare il club continuare a giocare in Premier League anche nella prossima stagione. “Penso che sia un vantaggio per noi. Quando ci si allena più giocatori inglesi, a volte di difficoltà nel cambiare la mentalità di un gruppo ” ha aggiunto il tecnico spagnolo.

Tuttavia, la presenza di un gran numero di nazionalità porta ancora alcune situazioni particolari in squadra. “A volte è strano. Mi rendo conto che parlo inglese con giocatori spagnoli, messicani o ecuadoriani. Poi mi rendo conto che posso parlare con loro in spagnolo. A volte posso cambiare la mia lingua senza alcun problema “Quique Flores ha commentato.

Per rimanere in Premier League, il Watford ha investito tanto in sede di mercato ma nonostante ciò, il suo bilancio è sano grazie ai diritti televisi. In totale, finora il Watfor ha investito oltre 20 milioni di sterline, con l’ingaggio di alcuni headliners come Etienne Capoue da Tottenham per 6 milioni o Valeron Behrami, acquistato dall’Amburgo per 4,5 milioni.

Questa significativa presenza di molte nazionalità nel mondo del lavoro di Watford è anche dovuto ai metodi di gestione della famiglia Pozzo, proprietari del club. In sostanza, la famiglia italiana ha acquistato il club in modo da rendere l’Udinese squadra satellite , fiore all’occhiello del calcio dei Pozzo. Il Watford poi viene utilizzato per monetizzare il costoso rete scouting istituito per la formazione dei giovani talenti scovati e mandati prima all’Udinese. Con la promozione del Watford in Premier League, la famiglia Pozzo ora presta grande attenzione anche alla sua proprietà inglese. Tuttavia, questo non taglia tutti i rapporti tra i diversi club di famiglia. Questa estate, due giocatori dell’ Udinese hanno firmato Watford FC: Allan Nyom ed il ceco Matej Vydra.