stadio Friuli, Udinese

Il 5 agosto 2015 potrebbe diventare una data a suo modo storica per il calcio friulano. Udinese-Spal è una normalissima amichevole di piena estate tra una squadra di serie A e una di Lega Pro, ma sarà ricordata per essere la prima partita che si è giocata nel nuovo stadio Friuli. All’appello manca ancora la curva sud, però il colpo d’occhio è già fantastico grazie a quella soluzione dei seggiolini colorati che regalano un effetto da tutto esaurito anche con l’impianto deserto.

L’Udinese nei giorni scorsi ha già ricevuto l’agibilità per tre-quarti del Friuli (19 mila posti), ma sia per l’appuntamento di questa sera, sia per la gara di Coppa Italia del 16 agosto delle 20.45 con la vincente di Novara e L’Aquila, sarà aperto solamente il settore della tribuna.

La prima vera gara, quindi, sarà quella del 30 agosto quando a Udine arriverà il Palermo. Lo stadio completo, invece, se i lavori proseguiranno senza interruzioni, dovrebbe essere consegnato all’Udinese entro la fine dell’anno. «Forse anche prima», ha detto ottimisticamente Gianpaolo Pozzo la scorsa settimana manifestando la sua soddisfazione per la serietà dell’azienda cui è stato affidato il progetto. Il 17 gennaio del 2016 l’Udinese ospiterà al Friuli la Juventus. Ecco per allora l’impianto dovrebbe essere completato e per la sfida ai campioni d’Italia ci sarà davvero la cornice delle grandi occasioni.

Quella di stasera è l’occasione per i tifosi dell’Udinese (ricordiamo che l’ingresso nella tribuna ovest sarà gratuito) di respirare l’aria del nuovo stadio, di vedere l’effetto scenico. Per la squadra, invece, sarà l’occasione per prendere contatto non tanto con il terreno di gioco, quanto con l’impianto di illuminazione che è diverso da quello precedente.