Mediaset torna in utile alla fine dei primi sei mesi con un utile netto di 24 milioni dal rosso per 20 milioni visto al 30 giugno 2014

La crescita beneficia soprattutto del contributo delle attività spagnole, mentre l’Italia che pure si avvantaggia del piano di contenimento dei costi e dei segnali di ripresa della pubblicità risente ancora dell’incertezza del mercato. Tanto che il consiglio presieduto da Fedele Confalonieri si è astenuto dall’aggiornamento delle proiezioni per il 2015.

Al momento, è stato spiegato agli analisti, «non ci sono le condizioni per cambiare le stime di una crescita compresa tra il 2 e il 4% della raccolta pubblicitaria in Italia a fine anno».

Nei sei mesi i ricavi sono rimasti stabili a 1,721 miliardi. Nei primi sei mesi 2015 le reti del gruppo guidato da Pier Silvio Berlusconi (nella foto) «confermano una netta leadership sul target commerciale sia in Italia sia in Spagna». In Italia, Mediaset guida sul pubblico 15-64 anni con il 37,2% di share in prima serata (+ 2,7%) e il 35,5% nelle 24 ore. Canale 5 è la rete italiana più vista nel target commerciale sia in prima serata con il 18,2% (+9,7% rispetto allo stesso periodo 2014) sia nelle 24 ore (16,8%). In Spagna, le reti televisive Mediaset España mantengono la leadership assoluta nelle 24 ore con il 31,4% di share. Telecinco si conferma rete spagnola più vista sia nel totale giornata (15,0%) sia in prima serata (15,6%).