Varese dimissioni zeaiterA neppure un mese dal suo arrivo, Alì Zeaiter lascia il Varese. L’imprenditore libanese lo scorso 6 giugno era diventato proprietario del club lombardo di Lega Pro acquisendo il 97% delle quote. L’avventura però al Varese si è già conclusa, come comunica la stessa società biancorossa: “Il presidente nonchè amministratore delegato Alì Zeaiter ha rassegnato le sue dimissioni”, si legge in una nota.

A questo punto, l’iscrizione del Varese in Lega Pro si fa sempre più difficoltosa. Il club ha già mancato due passi importanti per completare la richiesta d’iscrizione: il saldo dei contributi e la presentazione della fidejussione. Zeaiter è ancora di fatto il proprietario del club, ma le sue dimissioni gettano un’ombra sul futuro del club, che deve trovare 1,4 milioni di euro per completare l’iscrizione in terza serie.

L’arrivo di Zeaiter aveva fatto parlare molto i giornali: l’imprenditore di origini libanesi sta scontando una condanno di 3 anni e 6 mesi per una storia di compravendita di auto pagate con assegni falsi. Dopo aver trascorso in carcere alcuni mesi, per due anni è stato affidato ai servizi sociali: l’unica limitazione è quella di non poter uscire di casa dopo il tramonto.

“E’ un club che si trova in una posizione strategica, tra Milano e la Svizzera. Conviene agli imprenditori prendere questa società. Io qui per business? Certo, sono qui per questo. Vogliamo riportare la squadra in alto, valorizzare i giocatori, inoltre c’è un progetto sullo stadio. Noi puntiamo alla Serie B”, aveva spiegato Zeaiter dopo l’acquisto del club.