Gianni Rivera, considerato uno dei più grandi talenti di sempre del calcio italiano, ha annunciato l’apertura del suo canale YouTube, che entra a far parte del Network YAM112003, un luogo in cui l’ex pallone d’oro esprimerà le sue opinioni senza filtri interagendo con i suoi fan e con tutti gli appassionati di calcio e non solo. Sul canale, infatti si parlerà di calcio, ma non mancherà l’amarcord.

Il canale è gestito dalla Marconi Productions s.r.l. in collaborazione con YAM112003, Multi Channel Network certificato da YouTube, che seguirà l’ex Golden Boy passo per passo attraverso la pubblicazione di materiali video secondo un palinsesto settimanale e la pubblicazione di materiali di archivio per categorie (azioni, interviste, eventi, personaggi, etc).

Il Canale YouTube di Rivera rappresenta il primo caso di un grande campione che decide di “rimettersi in campo” e interagire direttamente con il suo pubblico, online, attraverso la piattaforma video più famosa al mondo. Ma il canale YouTube non è l’unica novità di Gianni Rivera 2.0. L’ex campione del Milan e della Nazionale, con l’aiuto e il supporto della moglie Laura, con la sua società Marconi Productions, ha anche di recente aperto un sito internet www.giannirivera.it, una pagina Facebook e un profilo Twitter.

Tutti gestiti direttamente in-house, per garantire un rapporto diretto con il proprio pubblico. Gianni Rivera non sarà però solo social, molte saranno le iniziative offline previste per i prossimi mesi. Giovedì 25 giugno a Milano alla mostra “Football Heroes – Storie di calciatori” (Piazza San Babila angolo C.so Venezia), si terrà, per la prima volta, l’esposizione del suo Pallone d’Oro che è stato il primo Pallone d’Oro italiano aggiudicatosi nel 1969. Sarà esposto al primo piano della mostra insieme a quelli di Roberto Baggio e Paolo Rossi, visibile fino ad ottobre, in concomitanza con Expo.

Da ottobre-novembre 2015, Rivera porterà in giro per l’Italia una sua mostra personale interattiva che toccherà varie città italiane dal nord al sud per poi passare all’estero.

1 COMMENTO