Entro la fine di agosto sarà pronto il restyling per rendere il Dall’Ara piu’ adeguato alla serie A. Manca solo l’ok della Soprintendenza ai lavori per migliorare l’accessibilità e la comodità dell’impianto. “Faremo il punto con la Prefettura la prossima settimana sulla sicurezza di questi cambiamenti”, afferma il sindaco Virginio Merola. “E’ ormai tutto pronto, si faranno i lavori a tappe forzate”.

Il primo cittadino ne parla dopo l’incontro avuto in Comune con Joey Saputo, culminato con la premiazione in pubblico dei rossoblu’ nel cortile d’onore di Palazzo D’Accursio. “Per l’anno prossimo – conferma il chairman del Bologna – possiamo fare certi piccoli cambiamenti per aiutare i tifosi che vengono allo stadio. Il Comune? E’ stato molto aperto, sanno che sono lavori che dobbiamo fare entro l’estate”. Ma il restyling complessivo del Dall’Ara “fa parte del piano, ci dobbiamo lavorare tranquillamente”.

L’amministrazione invece non vede l’ora di vedere riqualificato l’impianto, ormai ampiamente inadeguato ai nuovi standard. Il quartiere Saragozza, quello di via Costa, “da anni aspetta di soffrire meno durante le partite“, sottolinea ancora Merola. Con l’atto di giunta pronto per l’ok, informa, “abbiamo formato un gruppo di lavoro specifico che seguirà il tutto insieme al presidente del quartiere Saragozza. Appena avremo i progetti saremo in grado di quantificare i tempi”.

Saputo, lo loda il primo cittadino, “è a casa a Bologna, con lui siamo sicuri che il nome di Bologna anche per il calcio circolerà in tutto il mondo. Sono contento di averlo sostenuto all’inizio, si sta dimostrando affidabile proprio per il metodo che porta avanti. E’ una persona che ha disponibilità economica ma soprattutto ha cervello e sa che bisogna fare le cose per bene. Insomma quasi un bolognese”. Anche l’assessore comunale alla Mobilità, Andrea Colombo, conferma il forte interesse dell’amministrazione per il nuovo Dall’Ara. “Stiamo lavorando alla riqualificazione di diverse parti della citta’ non c’e’ dubbio che la promozione in serie A ma soprattutto la disponibilita’ del Bologna calcio possano essere l’occasione per rigenerare, rendere più bella e più fruibile anche l’area di via Andrea Costa”.