A fine maggio con tutta probabilità Joseph Blatter sarà rieletto presidente della Fifa per la quinta volta consecutiva. Contro il massimo dirigente del calcio mondiale negli ultimi anni si sono alzate molte voci critiche, tra cui quella del mai banale Diego Armando Maradona. L’ex Pibe de Oro – che con l’istituzione in generale non ha mai avuto un gran rapporto – è tornato ad attaccare il 79enne svizzero: “Nella Fifa c’è anarchia totale, dove chi decide tutto non sa niente. E’ ora di cambiare, anche i suoi colleghi dovrebbero consigliare a Blatter di lasciare, ha fatto molti danni da quando è arrivato”.

Sulle prossime elezioni Fifa Maradona è stato chiaro: il suo commento si inserisce nel contesto di una campagna elettorale che sta entrando nel vivo. Diego ha fatto sapere che sosterrà il principe Ali bin al-Hussein di Giordania. Eppure le quote dei bookmakers non fanno pensare che possa esserci una successione alla guida della Fifa. L’ex fuoriclasse della nazionale Argentina ha espresso la sua opinione in maniera molto netta sulla Fifa di oggi, sempre più nell’occhio del ciclone, in particolare dopo l’assegnazione dei Mondiali in Qatar del 2022: “E’ tempo che Blatter faccia un passo indietro e lasci spazio a chi ha energie per ricostruire un calcio sempre più debole e corrotto”.

Le elezioni per la presidenza della Fifa si terranno il 29 maggio durante il Congresso di Zurigo: sono in corsa per la successione del dirigente svizzero anche il presidente della Federcalcio olandese Michael van Praag, appoggiato tra gli altri anche da Mino Raiola, oltre che dalle federazioni nazionali di Belgio, Svezia, Scozia, Romania, delle Isole Faer Oer e dell’Olanda; e l’ex calciatore della nazionale portoghese Luis Figo. Il principe Ali invece è il fratello del Re di Giordania, e nonostante la giovane età ha già ricoperto diversi ruoli nel calcio, tra cui quello di presidente della Jordan Football Association e della West Asian Football Federation.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here