Ricavi Bayern Monaco. Fatturati e successo sportivo, nel calcio di oggi, sono spesso l’uno conseguenza dell’altro. E l’Oriente è il nuovo mercato al quale i grandi club europei puntano con decisione perché tra merchandising ufficiale e tourneè, la presenza del brand nella macroregione può fare davvero più ricche le società del Vecchio Continente. E’ la strategia del Bayern Monaco, club che, affermando la sua presenza in Cina, vorrebbe tentare la scalata alla classifica dei più ricchi al mondo.

Ricavi Bayern Monaco, si punta al merchandising

Il tentativo è sostenuto dall’oggettività di alcuni, significativi, dati che legittimano a tutti gli effetti l’ambizione nutrita dai tedeschi. A spiegarlo alla rivista Kicker è il direttore finanziario del Bayern Monaco, Jan Christian Dreesen, che ha sottolineato i motivi della tournée estiva dei campioni di Germania proprio in Cina. “Più di 100 milioni di telespettatori cinesi hanno visto il nostro match contro il Guangzhou nel Mondiale per Club del 2013. Se solo l’uno per cento di loro acquistasse un cappellino del Bayern, noi avremmo l’opportunità di incrementare i nostri introiti e continuare a crescere”

“In quel Paese e in tutta l’Asia abbiamo moltissimi tifosi –sottolinea Dreesen-. Vogliamo accrescere il nostro business da quelle parti e farne un pilastro della nostra crescita futura“. Il Bayern sarà in Cina per otto giorni il prossimo luglio a Pechino, Shanghai e Guangzhou.