Diritti tv Abodi Carpi – “Se il Carpi sarà promosso in Serie A la massima serie sarà meno appetibile sul mercato dei diritti Tv? Credo proprio di no. Se una piccola realtà sale in una competizione matura non comporta nessun effetto. Il Carpi è in testa e lo merita. La Serie B è un campionato talmente vero che non ha gerarchie rispetto alle previsioni della vigilia e questo è l’elemento che ci dà maggiore serenità. Sappiamo che conta soltanto il campo”. Lo dice il presidente della Lega Serie B, Andrea Abodi, ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’.

Se a riguardo ho convinto anche il consigliere Lotito? Non ha bisogno di difensori – argomenta Abodi – penso che abbia detto molto male un concetto che comunque deve essere espresso ovvero che di categoria in categoria non si sale solo per i gol ma servono anche una crescita finanziaria ed infrastrutturale. Questo è un problema che ci poniamo anche in vista della riforma e lo stiamo facendo con i nuovi sistemi per l’acquisizione della licenza sportiva“.

Il riferimento di Abodi è alla telefonata avvenuta lo scorso febbraio tra Claudio Lotito e Pino Iodice, direttore sportivo dell’Ischia (Lega Pro). Una telefonata registrata dalla stesso Iodice, nella quale il numero uno della Lazio diceva: “Ho detto ad Abodi (presidente di Lega B): se me porti su il Carpi, se me porti squadre che non valgono un c… noi tra due o tre anni non c’abbiamo più una lira. Se c’abbiamo Frosinone, Latina, chi li compra i diritti?..”.

PrecedenteItalia-Fiat, partnership a rischio. Bogarelli: VW e Toyota interessate
SuccessivoPogba al Barcellona, più di un’idea: ecco il piano dei blaugrana per portarlo al Camp Nou
Classe 1984. Siciliano di nascita, romagnolo d’adozione, giornalista sportivo per vocazione. Tanta stampa locale (Corriere di Romagna, Resto del Carlino), poi il salto a Milano: master “Tobagi”, Sky.it, Libero, Linkiesta, Pagina99.