Oggi, a distanza di qualche ora, vanno in scena due delle partite più importanti e affascinanti del calcio mondiale. Liverpool-Manchester United e Barcellona-Real Madrid sono infatti due confronti che hanno fatto, e faranno ancora, la storia del calcio, benché il primo, oggi, non offra nel menù la prelibata contesa del titolo. Ma quale dei due può dirsi “migliore”?. Una vera “partita nella partita”, l’analisi che offre il quotidiano inglese Daily Mail, che, snocciolando, e aggregando, i numeri relativi a ciascuna delle squadre protagoniste del doppio confronto (audience tv che genererà il match, ricavi, numero di followers sui maggiori social network) tenta di dare una risposta basata sull’oggettività dei dati più che sulle ragioni della passione.

Audience Tv: il big match in Inghilterra batte quello in Spagna

L’incredibile fascino globale che tutti e quattro i club esercitano sul pubblico è indiscutibilmente la chiave di lettura del dato che riguarda una stima dell’audience che entrambe le partite andranno a generare. Vince il confronto Liverpool-United, che sarà vista in ogni angolo del globo da ben 600-700 milioni di persone, mentre per il match del Camp Nou, anch’esso in mondovisione, si stima un pubblico che oscillerà tra i 400-500 milioni di appassionati. Una statistica, questa, che riflette il vantaggio in popolarità attuale della Premier League sulla Liga, anche perché capace di offrire il suo prodotto in una fascia oraria che tiene conto dei fusi orari.

Ricavi: il dato aggregato delle spagnole supera quello delle inglesi

Benché tutte e quattro le squadre facciano parte della Top 10 dei club più ricchi d’Europa, il dato aggregato generato dai club protagonisti dei due match vede una larga supremazia delle spagnole sulle inglesi. Il Real Madrid infatti, con ricavi annui per 549.5 milioni di euro, guida il ranking della Deloitte Money League del 2015, che vede invece il Barcellona più staccato, in quarta posizione a 484,6 milioni. In totale, per il Clasico, un valore di ben 864,7 milioni che surclassa quello inglese fermo a 689 milioni, composto dai “revenues” annuali del Manchester (secondo della speciale classifica) per 518 milioni di euro e del Liverpool (nono), per 305,9.

Shirt sales: il merchandising fa ricchi tutti

E’ un vero e proprio testa a testa tra Real e United, quello che riguarda la vendita delle maglie da gioco ufficiali. Numeri da capogiro: il dato oscilla, per entrambe, tra gli 1,2 e gli 1,5 milioni di pezzi venduti in un anno. Più staccati invece il Barcellona, con 1-1,2 milioni di unità cedute, e il Liverpool, con 700-900 mila pezzi venduti  a stagione. Il dato aggregato vede dunque una leggera supremazia della Spagna, con 2,7 milioni contro i 2,4.

Twitter followers: è dominio Barça-Real

Sulla rete e, in particolare, sui maggiori social network presenti sul Web, il dominio delle due spagnole è nettissimo nei confronti non solo delle inglesi, ma di tutti i maggiori club del Vecchio Continente. Ve lo abbiamo raccontato spesso su C&F: su Twitter infatti, come peraltro su Facebook, Barcellona e Real Madrid danno vita ad un serrato testa a testa a suon di followers, con una leggera supremazia merengues: 15,2 milioni di utenti connessi col mondo blancos e 14,4 milioni legati a quello catalano. Per il duo Liverpool-United solo le briciole: il primo seguito da 4,07 milioni di appassionati, il secondo da 4,63 milioni. Il dato aggregato rivela un confronto impietoso: il Clasico, sul virtuale, fa 29,6 milioni di utenti, il big match Premier “solo” 8,7.

Valore dell’undici di partenza: la spesa estiva dello United lo porta sopra al Barcellona

In questo senso, entrano in gioco diversi fattori: su tutti, la spesa che, nelle ultime due finestre di mercato, ha determinato i valori attuali. La milionaria campagna acquisti estiva dello United ha infatti fatto lievitare il valore dell’undici di base del club inglese, portando i Red Devils a sopravanzare il Barcellona alle spalle del Real Madrid. L’undici di partenza a disposizione di Carlo Ancelotti ha un valore stimato di ben 364 milioni di sterline, mentre quello della famiglia Glazer e agli ordini di Louis Van Gaal, 255,6 milioni. Piazzamento d’onore per i catalani, con 251,8 milioni. Chiude il Liverpool a 175,5 milioni. A prevalere, dunque, sempre il duo che oggi si sfiderà nel Clasico: 518,8 milioni contro i 431,1.

Stelle in campo: Messi vs CR7 è un confronto che vale il prezzo del biglietto

Il menù che offrono i 22 in campo tra Barça e Real è impossibile da replicare per Liverpool e Manchester United. La sfida tra Leo Messi e Cristiano Ronaldo vale anche l’ultimo centesimo di un costosissimo biglietto. Ma la gara del Camp Nou, tecnicamente, è molto (molto) di più e non si ferma “solo” al testa a testa tra l’argentino e il portoghese: è un confronto tra bomber, Saurez e Benzema, tra Neymar e Bale, gli ultimi tasselli di due tridente da favola. E ancora il match viaggia con la sfida tra Iniesta e Isco, presente e futuro della Spagna, e tra Piqué e Sergio Ramos, i due difensori più forti dell’ultima generazione di “fenomeni” del calcio iberico. Liverpool-United di quest’anno è un confronto sicuramente più povero e dai contenuti tecnici più limitati: Rooney, Di Maria e Falcao da una parte, l’eterno Gerrard, Sterling e Coutinho dall’altra, non reggono il confronto con la parata di stelle di stasera al Camp Nou.

Trofei: la “Decima” del Real, le 5 Champions League del Liverpool

In campo internazionale, non c’è partita: solo il Real Madrid, con le sue 10 Coppe dei Campioni/Champions League, copre il dato aggregato dei trionfi in Champions delle inglesi, 8: 5 con in Liverpool e 3 con lo United. Ma i freddi numeri non dicono tutto: anche le due inglesi, in Europa, hanno segnato un’epoca di calcio, passata e recente, entrando nell’immaginario collettivo di milioni di appassionati. Ma le spagnole hanno fatto di sicuro qualcosa in più: le 4 Champions League in bacheca a Barcellona dicono che il calcio spagnolo ha dominato il football continentale come nessun’altro è ancora riuscito a fare. Sommando poi i titoli nella bacheca di ciascun club, la Spagna prevale per 119 a 80.

Stadi: quattro tempi sacri del football mondiale

Tutte e quattro giocano in quattro cattedrali del calcio: stadi moderni, comfortevoli e conosciuti in tutto il mondo. Ma è quello del Barcellona ad essere il più capiente: quasi 100 mila spettatori. Con 85,454 il secondo posto spetta al Santiago Bernabèu, poi Old Trafford con 75,811 e, infine, Anfield Road con 45,522. Se fosse un semplice confronto sulla capacità spettatori, vincerebbe ancora il duo Barcellona-Real: 184,808 contro i 121,333.