Maracanà – Il gestore dello stadio Maracanà di Rio de Janeiro, dove è andata in scena la finale del Mondiali di calcio 2014 e che ospiterà la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi brasiliane, ha detto che dovrebbe pagare meno affitto dopo che gli è stato impedito di costruire immobili commerciali sul luogo.

Il Consorcio Maracanà, un gruppo guidato dalla più grande società di costruzioni del Brasile, la Odebrecht SA, ha avuto una perdita di 48,3 milioni di reais (17,9 milioni di dollari) dal 14 Marzo 2013 al 31 dicembre 2013, i primi nove mesi di un accordo di 35 anni per gestire l’arena con il suo proprietario, lo stato di Rio. Il Consorcio Maracanà ha detto che i termini dell’accordo sono ingiusti perché le disposizioni che hanno permesso di demolire le proprietà vicine al sito e sostituirle con un parcheggio per auto, oltre ad altri negozi, sono state concesse dal governo statale.

Il Consorcio Maracanà “sta studiando con il governo statale un modo migliore per ripristinare l’equilibrio finanziario del contratto di concessione di 35 anni“, ha detto il gruppo in un comunicato e il governo dello stato ha confermato i colloqui. I gruppi hanno firmato un contratto modificato nel gennaio 2014 dopo che l’allora governatore di Rio, Sergio Cabral, si inchinò alle proteste contro la demolizione di strutture esistenti per la Coppa del Mondo.

L’investimento del Consorcio Maracanà

Il governo ha invertito la decisione che ha permesso al Consorcio Maracanà per demolire le proprietà, tra cui un museo, così come una scuola, per far posto a degli spazi commerciali. La società ha detto che investirà 600 milioni di reais per il progetto. “A causa di pressioni politiche, Cabral cambiato idea e le strutture esistenti sono state conservate, con conseguente perdita di fonti di reddito“, ha aggiunto il Consorcio Maracanà.

Secondo i termini del contratto, e l’emendamento, diffuso da Bloomberg News, lo Stato ha l’autorità di modificare unilateralmente l’accordo di “interesse pubblico“. Il Consorcio Maracanà può appellarsi sui cambiamenti che mettono a rischio le sue finanze. Il primo pagamento di affitto dovrà essere saldato entro il 15 gennaio. Lo Stato è sotto pressione per recuperare 1,05 miliardi di reais spesi per rimodellare lo stadio in occasione della Coppa del Mondo dello scorso anno. Il Brasile ha speso 8 miliardi di reais per lavorare su 12 stadi nazionali e i critici hanno detto che diverse arene sarebbe addirittura un onere per le finanze pubbliche.

Alberto Lattuada

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here