L’asta per i diritti tv in Inghilterra sta per partire e le emittenti del Regno Unito avranno così la possibilità di presentare un’offerta per potertrasmettere tutti i match della Premier League, il campionato più ricco d’Europa che ha visto crescere il proprio reddito dai diritti TV del 70 per cento durante l’ultima asta.

Il British Sky Broadcasting Group Plc e il BT Group Plc nel 2012 hanno pagato la cifra record di 3 miliardi di sterline (4,71 miliardi di euro circa) per trasmettere le gare di squadre, come il Manchester United e il Liverpool per tre stagioni. Questo è stato il primo impegno di BT nel settore che è stato dominato da Sky da quanto la Premier League è iniziata nel 1992. La Premier League venderà 168 partite a stagione per tre anni a partire dal 2016 suddividendola in cinque pacchetti da 28 gare e due da 14. Nessun acquirente potrà comprare più 126 match. 

Gli spettatori del Regno Unito pagano i prezzi più elevati per guardare il calcio che contribuirà così a creare una delle percentuali più basse di presenza di spettatori in gare dal vivo rispetto ai cittadini di altri paesi europei. La Premier League trasmetterà delle partite chè prenderanno il via alle 15 del sabato come parte di un regolamento per garantire ai tifosi di frequentare maggiormente gli stadi.

Il reddito totale relativa alla trasmissionedelle gare della Premier League è di circa 5 miliardi di sterline, con circa 2 di essi generati dalle vendite verso i mercati esteri.

Alberto Lattuada