“Paghiamo le tasse per essere difesi dallo Stato e non sono d’accordo a finanziare quello che lo Stato mi deve garantire: siamo fuori di testa». Tommaso Ghirardi, presidente del Parma, non è d’accordo con l’eventuale partecipazione delle società di calcio alle spese per la sicurezza negli stadi prevista dal decreto legge che il Parlamento sta discutendo in questi giorni.

Ghirardi è intervenuto a Milano in occasione dell’assemblea straordinaria di Lega calcio convocata per valutare il possibile impatto del disegno di legge «Stadi» sul calcio italiano. «Siamo i cittadini più tassati d’Europa, io non pago più di quanto già pago – aggiunge Ghirardi – ed assurdo convocare un’assemblea per parlare di questo. Noi dobbiamo essere difesi dallo Stato e non dobbiamo pagare per essere protetti» rimarca il presidente del Parma.

In Italia, sostiene Ghirardi, «c’è da rifare tutto e il problema diventano i 25 milioni che deve dare il calcio per la protezione? Siam fuori dal mondo. Lo dico da italiano», conclude.

Fabio Colosimo

PrecedenteCagliari, per lo stadio Sant’Elia approvata variante da 16.000 posti
SuccessivoSneijder, il Galatasaray di Prandelli non gli paga lo stipendio
Nato a Roma nel 1984, dopo la facoltà di Scienze Politiche il salto nel giornalismo sportivo con una collaborazione triennale con Canale Inter.