Il Bologna diventa americano. Il Cda straordinario del club rossoblù, convocato a Casteldebole, ha votato a maggioranza a favore della nuova offerta di Joey Saputo e Joe Tacopina. La clamorosa svolta per il futuro del Bologna è arrivata nella notte. I soci del club emiliano hanno preferito l’offerta statunitense alla soluzione interna rappresentata da Massimo Zanetti, mister Segafredo, che fino a ieri sembrava in pole per l’acquisizione.

L’azionista di maggioranza Albano Guaraldi si è astenuto. Entro il 15 ottobre la cordata guidata da Tacopina verserà 6 milioni nelle casse del club per poi completare in seguito la ricapitalizzazione con altri 7 milioni. Dal Bologna fanno sapere che non c’è ancora «nulla di ufficiale» e che «la trattativa procede», ma per la fumata bianca manca ormai veramente poco.

Insomma, dopo un tira e molla durato almeno un mese, nel quale l’ipotesi Tacopina pareva dovesse sfumare proprio sul più bello, è arrivata improvvisa la svolta che ha riportato la cordata americana in vantaggio sull’imprenditore Zanetti, fino a superarlo definitivamente.

Fabio Colosimo