Un’estate fa si definiva “The Happy One” per aver avuto la possibilita’ di guidare di nuovo il Chelsea e anche se la prima stagione si e’ chiusa senza trofei, Jose’ Mourinho continua a sentire Stamford Bridge come la sua seconda casa. “Sono nel club dove voglio essere – racconta ai media inglesi – Se mi chiedessero di scegliere un club nel mondo dove lavorare, sceglierei il Chelsea e la Premier League. Sono felice di essere in Inghilterra e al Chelsea e finche’ Abramovich sara’ contento di avermi come allenatore, restero’. Non ho altri obiettivi, ne’ penso di andare via. Rimarro’ fino a quando Abramovich mi vorra’”.

Non rimpiange la cessioen di David Luiz

Mourinho, sotto contratto fino al 2017, sta costruendo una grande squadra e non rimpiange la cessione di David Luiz al Paris Saint Germain, anzi. “Lo scorso anno non era un titolare fisso, perche’ in difesa avevamo Terry e Cahill – sottolinea – A centrocampo ha fatto bene, soprattutto in Champions, ma Matic non poteva giocare. Quest’anno, invece, conteremo anche su Matic, per cui non perderemo nulla. David Luiz e’ stato sempre un ottimo professionista e un bravo ragazzo e umanamente ne sentiremo la mancanza ma, calcisticamente parlando, credo che la nostra squadra sara’ piu’ forte”.