L’Interpol sta avendo un importante successo nella battaglia contro il giro di scommesse illegali in Asia, che sei settimane dopo l’inizio della Coppa del Mondo ha effettuato più di 1.000 raid, 1.400 arresti e sequestrato 12 milioni di dollari. Le incursioni sul business illegale sono sono state eseguite da agenti delle forze dell’ordine tra Cina, Hong Kong (Cina), Macao (Cina), Malaysia, Singapore e Vietnam.

Scommesse per 2.2 miliardi di dollari

L’Interpol ha calcolato che le scommesse illegali operate dalle organizzazioni criminali organizzati hanno un valore pari a 2,2 miliardi di dollari durante la Coppa del Mondo. L’operazione Coppa del Mondo 2014, nome in codice Operazione SOGA V, è stata la quinta coordinata dall’Interpol dal 2007. Oltre agli arresti e al sequestro di denaro, l’operazione ha preso in consegna computer e telefoni cellulari che sperano di identificare “il potenziale coinvolgimento di altri individui o bande in tutta la regione e oltre”, ha detto un comunicato dell’Interpol. “I risultati di questa ultima Operazione SOGA sono significativi in relazione al volume di scommesse gestite da queste bische illegali, così come il numero di arresti”, ha detto Jean-Michel Louboutin, direttore esecutivo di INTERPOL per i servizi di polizia. “Il gioco d’azzardo illegale genera enormi profitti per le reti di criminalità organizzata che sono spesso legate alla corruzione, traffico di esseri umani e il riciclaggio di denaro, motivo per cui una risposta internazionale coordinata è necessaria per affrontare questo tipo di reato “.

Già 8.400 arresti

Le cinque operazioni dell’Interpol SOGA fino ad oggi hanno portato a più di 8.400 arresti, il sequestro di quasi 40 milioni in contanti e la chiusura di circa 3.400 bische illegali von movimentazione di 5,7 miliardi di dollari del valore delle scommesse.

Alberto Lattuada 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here