”Quando sono arrivato al Psg – ha ricordato – la prima stagione e’ stata eccellente: c’era Ancelotti, che e’ stato come un padre per me. Poi e’ arrivato Blanc, che ha fatto delle scelte. Non sentire la fiducia non e’ stato facile, per me questo e’ un aspetto molto importante per far bene in campo”, ha aggiunto il francese. ”E’ vero che con Ancelotti ho giocato piu’ come attaccante centrale ma sono pronto ad adattarmi alle scelte dell’allenatore. San Siro e’ un grande stadio, con una grande atmosfera: sono pronto a rientrare in questo stadio con il Milan; spero di sentire il calore dei tifosi”, ha concluso Menez.

Stamattina elogi ad Alex

Stamane invece l’amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, aveva presentato così l’altro nuovo acquisto dei rossoneri Alex. «Lo abbiamo seguito per tanti anni e abbiamo provato a comprarlo prima che firmasse per il Chelsea. Abbiamo vinto una nutrita concorrenza per strappare Alex, anche il Psg lo voleva tenere. È un acquisto importante, abbiamo messo chili e centimetri alla nostra difesa».