“Per amor di verità e per opportuna conoscenza dei tifosi del Parma, per i quali il Torino Football Club nutre grande rispetto, contrariamente alle dichiarazioni del signor Pietro Leonardi, Amministratore delegato del Parma FC, precisiamo che:
1) Nel presentare ricorso al TAS il Parma non ha richiesto la procedura d’urgenza. Anzi, successivamente ha richiesto l’estensione dei termini per il deposito della memoria.
2) Il Torino, per sveltire la procedura, ha chiesto che fosse condotta in inglese perché, al pari del francese, è questa la lingua ufficiale del TAS. Difatti tutti i precedenti in casi simili sono in lingua inglese”. Questo è io comunicato apparso sul sito del Torino in relazione alla vicenda dell’esclusione del Parma dalla prossima Europa League.

Si attende solo il Tar

Si dovrà attendere qualche giorno per avere la decisione del Tar del Lazio sul ricorso con il quale il Parma calcio contesta il diniego alla licenza Uefa per la stagione sportiva 2014-2015. Oggi, discussione in camera di consiglio davanti al tribunale in composizione collegiale; i giudici hanno anticipato la possibilità che il ricorso sia deciso direttamente con una sentenza. Il Parma ha proposto ricorso al Tar con gli avvocati Tedeschini, Giammaria e Rodella per chiedere la sospensione, e il successivo annullamento in sede di giudizio di merito, della decisione con la quale l’Alta Corte di Giustizia del Coni, il 29 maggio scorso, ha bocciato il suo ricorso per la mancata concessione della Licenza Uefa da parte delle Commissioni di primo e secondo grado della Figc a causa del ritardato pagamento Irpef per alcuni tesserati. Il ricorso conteneva anche una richiesta di decisione provvisoria e urgente del tribunale in composizione monocratica; richiesta respinta nei giorni scorsi dal presidente della III sezione quater del Tar sul presupposto che «l’intervento presidenziale, derogatorio della collegialità – si leggeva nel decreto – postula una situazione di estrema gravità oltre che di urgenza, che nella specie non ricorre, tenuto conto che lo svolgimento del torneo Europa League è previsto per il 3 luglio 2014» e che l’udienza era stata fissata oggi, in tempi compatibili con l’inizio della manifestazione.