Cagliari calcio di corsa verso il passaggio di proprietà da Massimo Cellino a Tommaso Giulini: lunedì il presidente rossoblù dovrebbe essere in Italia ed è già stato fissato per quel giorno l’appuntamento tra venditori e acquirenti per fissare il programma definitivo che porterà nel giro di pochi giorni al passaggio delle quote al nuovo proprietario. Per il momento ci sono due certezze: il contratto preliminare firmato giovedì sera tra le parti. E l’acconto versato dai nuovi acquirenti: un passaggio concreto che fa capire che nei prossimi giorni, soprattutto se l’incontro di lunedì avrà esito positivo, l’affare potrebbe essere definitivamente concluso. Non ci saranno tempi lunghi: l’obiettivo è quello di iniziare presto la programmazione della stagione 2014-2015 a cominciare dalla guida tecnica. Per poi continuare con la definizione di prestiti, comproprietà e rinnovi di contratto. Sino alla prossima campagna acquisti e cessioni.

Tramontano gli Usa

Sembra tramontata la pista americana, anche se le ultime dichiarazioni del rappresentante italiano del gruppo Usa, Luca Silvestrone, fanno pensare alla eventualità di un possibile rilancio della trattativa magari dall’inizio della prossima settimana. Uno scenario, comunque, completamente cambiato rispetto a dieci giorni fa: dopo l’incontro di Miami, le foto e le strette di mano tra Cellino e i rappresentanti del Fondo Usa il Cagliari sembrava ormai americano. L’intesa insomma era stata raggiunta, ma non ancora formalizzata. La firma, però, non c’è stata e allora si è riaperta la pista che porta alla Fluorsid di Macchiareddu, la zona industriale di Cagliari, di cui è patron Giulini.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here