I proprietari thailandesi del neo promosso Leicester City sono disposti a spendere 180 milioni di sterline per raggiungere il loro obiettivo di finire nella top five della Premier League inglese entro le prossime tre stagioni.
Il Leicester si è guadagnato un posto nella massima serie di calcio inglese vincendo il titolo di Championship il mese scorso, al termine di un’assenza decennale dalla Premier League, come tutti i club promossi la sopravvivenza è l’obiettivo iniziale del Leicester, ma il suo presidente e miliardario, Vichai Srivaddhanaprabha, ha idee grandiose negli anni a venire.
“Vogliamo rimanerci il più a lungo possibile”, ha detto ai giornalisti Vichai a Bangkok, mentre la squadra ha goduto di un soggiorno di tre giorni nella località turistica thailandese di Phuket. “Ma noi non perderemo l’occasione di sfidare le prime cinque squadre del campionato fin da subito. Abbiamo una possibilità di batterle? Sì, ce l’abbiamo, ma penso che abbiamo bisogno anche di rendere fin dalla prossima stagione stabile la nostra posizione in campionato per poi pensare subito al nostro prossimo passo. Ci vorrà una quantità enorme di denaro, forse 10 miliardi di baht tailandese [ 180m ] per arrivarci. Ma chiedo tre anni e noi saremo lì”.

Dieci anni di attesa

Il Leicester è stato lontano dalla Premier League dal 2004 ed è sceso in terza categoria inglese nel 2008. Nigel Pearson, l’allenatore nominato quell’estate, li portò di nuovo in Championship al primo tentativo prima di partire per Hull City e tornare nel 2011 trascinandoli adesso nella massima serie.
L’ex difensore di Sheffield e Middlesbrough ha condiviso l’ottimismo di Virat. “Dobbiamo essere adattabile quando giochiamo contro le grandi squadre. Ma la cosa importante è che stiamo andando con la convinzione che possiamo raggiungere questo importante obiettivo”, ha detto dopo aver mostrato il trofeo vinto quest’anno ai fan della capitale thailandese. “Non stiamo andando a fare numero. Vogliamo essere competitivi. Vogliamo assaggiare il successo adesso e l’importante è continuare a migliorare noi stessi. Quindi possiamo lottare per le prime cinque piazze della Premier League”.