Thohir: “Inizialmente non pensavo di diventare presidente dell’Inter, mi proponevo più per dare un aiuto al club in termini di gestione. Mercato di gennaio? Sarà difficile reclutare nuovi giocatori perché è una finestra troppo stretta e riguarda solo metà stagione”.

Marotta: “Non acquisteremo e non venderemo, ma se qualcuno vuole andare via lo ascolteremo”.

Galliani: “Il Milan non va sul mercato, non prendiamo nessuno, Pazzini tornerà presto”.

Erik Thohir, presidente dell'Inter
Erik Thohir, presidente dell’Inter

Il calciomercato e la situazione finanziaria

Il mercato di gennaio non lascerà il segno, almeno per Milan, Inter e Juventus, parola di Erik Thohir, Beppe Marotta ed Adriano Galliani. E se lo dico loro c’è certamente da fidarsi. Con le parole del presidente nerazzuro che sta cercando di riportare l’Inter sulla giusta rotta di navigazione economico – gestionale si chiudono le speranze dei tanti appassionati “dei botti del calciomercato” di vederne, almeno, in questa sessione post natalizia. La dichiarazione del Tycoon era prevedibile dato che il riordino dei conti è una priorità per Thohir; il club nerazzurro, solo nell’ultimo bilancio, quello chiuso al 30 giugno 2013, ha registrato perdite per 80 milioni circa. Nei giorni scorsi sono cominciate a emergere indiscrezioni, mai smentite, su un’imminente entrata in società di Nicola Volpi, molto conosciuto negli ambienti finanziari di tutto il mondo in virtù di una carriera lunga e di successo, proprio per aiutare l’indonesiano a risanare la precaria situazione finanziaria del club di via Durini.

Fair Play Finanziario, l'Inter tiene la rotta
Fair Play Finanziario, l’Inter tiene la rotta

Il fair play finanziario

Il Fair Play finanziario, tanto voluto da Michel Platini, sta decisamente veicolando i movimenti di mercato delle società calcistiche, anche e soprattutto di quelle che vengono considerate tradizionalmente le Big. Nonostante Thohir sia stato categorico sulla “non belligeranza” dell’Inter nel calciomercato invernale, qualcuno ha voluto stuzzicarlo riguardo un vecchio pallino di Massimo Moratti, Lionel Messi: “E’ possibile se le finanze del club non ne risentono. Non faremo come il Leeds, loro sono precipitati perché non erano pronti”. Il suo obiettivo è dunque quello di aver un club sano e di evitare la fine del club inglese caduto nel baratro dopo anni di splendore calcistico. Anche secondo il procuratore Francesco Nacchia il mercato di gennaio è da considerarsi chiuso: “La Juventus non ha bisogno di rinforzi data la serie incredibile di vittorie che sta ottenendo sul campo e staremo solo a vedere se Seedorf farà rientrare il Milan sul mercato nonostante Galliani abbia deciso che Vergara sarà l’ultimo innesto rossonero della sessione invernale del calciomercato”.