berlusconi e gallianiAdriano Galliani giura fedeltà al Milan e al suo presidente Silvio Berlusconi e, se mai l’attuale amministratore delegato del diavolo dovesse interrompere il proprio rapporto con la società rossonera, non ci sarà spazio per avventure alla guida di altri club. E’ stato lo stesso Galliani, al termine di un lungo incontro con l’ex premier a Villa San Martino ad Arcore, convocato per mettere ordine al vertice del club, dopo le critiche mosse da Barbara Berlusconi alla recente gestione del Milan, a sgombrare il campo alle indiscrezioni degli ultimi giorni.

“Sono legato al presidente Berlusconi per tutta la vita, forever”, ha detto Galliani uscendo dalla residenza dell’ex premier. “Silvio Berlusconi e’ il numero uno al mondo e anche questa volta lo ha dimostrato. Ci conosciamo dal 1979 e lui e’ il mio presidente. Psg? Macche’, tutte le altre ipotesi sono fantascienza. Se lavorerò ancora nel calcio lo farò solo nel Milan e in nessun’altra squadra. Ripeto, Berlusconi sara’ il mio presidente per tutta la vita. Non vado da nessun altra parte, nel calcio solo il Milan”.

Adriano Galliani e il Milan si riabbracciano improvvisamente, proprio quando le due parti sembravano lontanissime. Silvio Berlusconi è voluto intervenire personalmente nella diatriba tra la figlia Barbara e l’ad rossonero, convocando il dirigente ad Arcore. Un pranzo chiarificatore, alla presenza dell’amico comune Fedele Confalonieri, utile per tranquillizzare il dirigente, ferito e delegittimato dopo la discesa in campo della giovane figlia. Una colazione tra amici, ma soprattutto un patto: il Milan è Berlusconi, ma anche Galliani. Quest’ultimo non ha nascosto la sua soddisfazione all’uscita da Villa San Martino.

Tutto risolto? Per il momento sembrerebbe di sì, ma non è detto che in caso di ulteriori risultati negativi della squadra guidata da Massimiliano Allegri la polemica possa nuovamente accedersi. “Fare un comunicato? Macché non ci sara’ nessun comunicato. Cosa cambiera’? Non aggiungo altro, ci vediamo domani a Verona”, ha concluso Galliani.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here