SHARE
Lionel Messi, attaccante del Barcellona (foto Insidefoto.com)

Monte ingaggi Barcellona 2017-2018 – Il rinnovo di Leo Messi, che con il nuovo contratto percepirà uno stipendio netto di circa 35-40 milioni di euro a stagione, ma anche di altri importanti giocatori della rosa (alcuni già ufficializzati e altri prossimi ad essere annunciati) e gli ammortamenti relativi ai calciatori acquistati nell’ultima campagna trasferimenti (Demebelé, Paulinho, Semedo), contribuiranno a fare lievitare il costo della rosa del Barcellona (stipendi+ammortamenti) fino a 588 milioni di euro, con un incidenza sui ricavi caratteristici attesi per la stagione in corso (707 milioni di euro) dell’84%.

Un’impennata che porta il rapporto tra costo della rosa e ricavi caratteristici ai massimi delle ultime nove stagioni, ben al di sopra del 64% della scorsa stagione quando la somma di stipendi e ammortamenti è stata di 432 milioni a fronte di ricavi per 682 milioni, ma lontano anche dal precedente massimo del 77% della stagione 2009-2010, con un costo della rosa di 306 milioni su ricavi caratteristici di 399 milioni.

Se non è un campanello di allarme poco ci manca. Quest’anno infatti il Barcellona potrà compensare l’aumento del costo della rosa grazie alla maxi-plusvalenza realizzata con la cessione di Neymar al Paris Saint-Germain, ma a partire dalla prossima stagione il club, se vorrà mantenere in equilibrio i conti, dovrà spingere in modo importante sui ricavi caratteristici per non essere costretto a ricorrere nuovamente alla leva delle plusvalenze cedendo qualche pezzo pregiato della rosa.

Monte ingaggi Barcellona 2017-2018, l’effetto Neymar sui ricavi

L’impatto contabile sui bilancio del Barça del pagamento dei 222 milioni della clausola rescissoria di Neymar da parte del PSG, hanno spiegato i dirigenti blaugrana nel corso della presentazione del budget 2017-2018, è stato di 144 milioni, considerato un prezzo di carico di 34 milioni e altri 44 milioni di accantonamenti effettuati a fronte del contenzioso aperto col giocatore per la decisione del club di non pagargli il bonus previsto al momento del rinnovo del contratto.

caso neymar calcio strumento softpower politico effetto neymar ricavi psg vendita maglie
Neymar e il presidente del PSG Nasser Al Khelaifi (Foto insidefoto.com)

Grazie a questa posta non ricorrente e ad altre voci straordinarie il fatturato complessivo per la stagione 2017-2018 dovrebbe attestarsi a 897 milioni, facendo scendere l’incidenza del costo della rosa sul fatturato al 65%.

Monte ingaggi Barcellona 2017-2018, spingere sui ricavi per compensare la crescita dei costi

Ma una plusvalenza da 144 milioni è un fatto che non si ripete ogni stagione. Per questo motivo il club sta lavorando per accelerare ulteriormente la crescita dei ricavi caratteristici.

Secondo quanto indicato dai dirigenti del Barcellona nel corso della presentazione del budget, circa 15 milioni di euro in più a stagione dovrebbero arrivare dal nuovo ciclo di diritti tv della Champions League 2018-2021.

Ma la leva principale è rappresentata dagli introiti del settore commerciale. Se il passaggio della sponsorizzazione Nike da 24 a 60 milioni a stagione farà sentire i suoi effetti già nel corso del 2017-2018, i dirigenti catalani stanno lavorando per chiudere importanti contratti di sponsorizzazione relativi alle maglie d’allenamento e ai naming right del complesso sportivo, in corso di realizzazione, Espai Barça.

Monte ingaggi Barcellona 2017-2018, il dettaglio del costo della rosa

Come detto per la stagione 2017-2018 il costo della rosa del Barcellona sarà pari a 588 milioni. Di questi 479 milioni rappresentano il monte ingaggi (+31% sui 365 milioni del 2016-2017), mentre gli ammortamenti sono pari a 109 milioni, in crescita del 62% rispetto ai 67 milioni della stagione scorsa.

Notizie correlate

3 COMMENTI

  1. Articolo interessante, ma preciso che l’ingaggio di Dembele è episodico e legato alla partenza di Neymar, quindi immagino che gli anni prossimi i numeri si assesteranno!

LASCIA UNA RISPOSTA: