Juve-Inter, sfida a due per lo Scudetto? Lo scontro sotto la lente del mercato

I bianconeri e i nerazzurri sembrano essere attualmente i candidati principali alla lotta per il titolo in questa stagione: ecco come hanno operato sul mercato.

Juventus Inter spese mercato
(Foto: MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Al rientro dalla sosta per le Nazionali, Juventus e Inter si sfideranno sul campo per avere un primo confronto diretto in quello che – almeno per ora – sembra essere il duello che caratterizzerà la lotta Scudetto in questa stagione. Dirigenti e allenatori delle due squadre si palleggiano il ruolo di favorita, ma cosa dicono i numeri fino a questo momento?

La Juventus ha speso e spende di più per la sua rosa. Il prezzo d’acquisto dei cartellini dei bianconeri è pari a 429 milioni di euro, quello dei nerazzurri è di 223 milioni: sono oltre 200 milioni di differenza. La Juve in questi anni ha sempre acquistato ciò che desiderava, mentre l’Inter si è affidata spesso a calciatori in scadenza di contratto (seppur con ottimi risultati). E i saldi di mercato? Come riportato da Libero utilizzando dati d Transfermarkt e Calcio e Finanza, la Juve ha chiuso l’ultimo in negativo di 21 milioni, l’Inter in positivo di 65 milioni (vengono conteggiati anche i riscatti dei prestiti).

Ma è il saldo delle ultime cinque sessioni a rendere ancora meglio l’idea del percorso inverso delle due società, al netto della svolta estiva bianconera e dell’aver intrapreso un percorso sicuramente più virtuoso: in quanto a compravendita di cartellini dal 2019 a oggi la Juve è infatti sotto di 168 milioni mentre l’Inter è sopra di 12 milioni. Da ormai tre estati, Ausilio cede alcuni dei migliori giocatori (Lukaku e Hakimi, Onana e Brozovic) a caro prezzo e ne acquista altri a prezzi inferiori.

La Juventus in estate si è accontentata del solo Weah e dei rientri dai prestiti. Anche secondo il fatturato e il monte ingaggi il club bianconero parte davanti. I bianconeri ricavano di più (507 milioni contro 425 secondo gli ultimi bilanci, chiusi al 30 giugno 2023) e hanno ancora la rosa più costosa della Serie A, seppur di poco rispetto ai nerazzurri (122 milioni lordi contro 117, al netto dei bonus, secondo le stime di Calcio e Finanza). Entrambi i monte ingaggi sono comunque in contrazione a conferma della comune virata verso la sostenibilità aziendale.

Nonostante risultati di questo tipo, a parlare è poi sempre il campo. E in questi ultimi anni l’Inter ha portato sicuramente risultati migliori, più trofei e un gioco di maggiore livello. Scopriremo se – dopo tre stagioni – la Juventus sarà in grado di invertire la tendenza e di tornare ai vertici, o se saranno i nerazzurri a celebrare il ventesimo Scudetto e il traguardo della seconda stella.