La UEFA diventa co-organizzatrice del Pallone d’Oro dal 2024

La Federcalcio europea si unisce al gruppo che controlla le testate francesi France Football e L’Equipe: co-organizzerà il premio dal 2024.

Chi organizza il Pallone d'Oro
(Foto: FRANCK FIFE/AFP via Getty Images)

La UEFA e Groupe Amaury, proprietario delle testate francesi France Football e L’Équipe, hanno annunciato oggi una partnership per l’organizzazione del Pallone d’Oro a partire dal 2024. Insieme, la UEFA e Groupe Amaury mirano a migliorare la statura e la portata globale del riconoscimento, promuovendo al contempo un senso di unità e collaborazione all’interno della comunità calcistica.

Nell’ambito dell’accordo, il Gruppo Amaury resta proprietario del marchio Pallone d’Oro e continuerà a supervisionare il sistema di voto, che rimarrà invariato e indipendente. La UEFA contribuirà con la sua esperienza calcistica, commercializzerà i diritti a livello globale e organizzerà il gala per la premiazione annuale.

Inoltre, al programma verranno aggiunti due nuovi premi: allenatore dell’anno maschile e allenatrice dell’anno femminile, che riconosceranno il prezioso contributo degli allenatori al successo in campo. L’attuale palcoscenico dei trofei resterà invariato: Pallone d’Oro maschile, Pallone d’Oro femminile, Trofeo Kopa (miglior giocatore sotto i 21 anni), Trofeo Yashin (miglior portiere), Trofeo Gerd Müller (miglior marcatore della stagione precedente), Trofeo miglior Club della stagione maschile, Trofeo miglior Club della stagione femminile e Premio Sócrates (lavoro umanitario).

Aleksander Ceferin, presidente della UEFA, ha dichiarato: «Per quasi 70 anni, il Pallone d’Oro è stato il riconoscimento individuale più prestigioso nel mondo del calcio ed è una testimonianza della straordinaria abilità, dedizione e impatto delle leggende del calcio e dei giocatori e del loro segno duraturo nella storia di questo sport. Le competizioni UEFA per club e nazionali, come la UEFA Champions League e gli Europei, sono considerate i palcoscenici più importanti a livello mondiale per i giocatori d’élite, e spesso svolgono un ruolo fondamentale nella candidatura dei giocatori ai maggiori riconoscimenti e al loro posto nel pantheon del calcio. La UEFA e il Pallone d’Oro sono sinonimi di eccellenza sportiva, quindi la nostra partnership sarà una miscela naturale di importanza e una sinergia che promette di essere a dir poco eccezionale».

Jean-Étienne Amaury, CEO del Gruppo Amaury, ha aggiunto: «Il Pallone d’Oro è il premio da sogno per i più grandi giocatori del mondo. Vogliamo rendere la Cerimonia di Premiazione del Pallone d’Oro un evento globale che metta in mostra e metta in risalto il talento dei calciatori di alto livello nelle loro prestazioni individuali e collettive, per ispirare tutti i talenti del calcio e riunire la passione e l’entusiasmo dei tifosi di tutto il mondo».