Milan, rinnovato il diritto di superficie del Vismara per altri 10 anni

Per la stagione 2022/23 il club rossonero ha riconosciuto un canone, incluse le relative migliorie, di 1,281 milioni di euro al Comune di Milano, in aumento di 88.000 euro rispetto all’annata precedente.

milan affitto vismara
(Foto: AC Milan)

Nel pomeriggio di ieri l’assemblea degli azionisti del Milan ha approvato il bilancio consolidato della società rossonera per la stagione 2022/23, che si è chiuso con un utile di 6,1 milioni di euro, un risultato che non si verificava dal 2006, quando il proprietario del club era ancora Silvio Berlusconi.

Dal bilancio consolidato pubblicato dal Milan, oltre a ricavi record per oltre 400 milioni di euro, emergono altri aspetti interessanti. Uno di questi riguarda il centro sportivo Vismara, rinominato “Puma House of Football” nell’ambito del nuovo accordo da 30 milioni di euro a stagione siglato con il partner tecnico tedesco. Gli effetti positivi di questo rinnovo, e di quello con Emirates, main sponsor rossonero, si vedranno a partire dal bilancio 2023/24.

Tornando al Vismara nel bilancio consolidato – consultato da Calcio e Finanza – si riporta che in data 25 luglio 2023 è stato rinnovato con “Opera Diocesana per la preservazione e diffusione della fede”, il diritto di superficie per la durata di 10 anni, a decorrere dal 4 giugno 2023 fino al 4 giugno 2033, senza soluzione di continuità, del complesso sito in via dei Missaglia 117, a Milano.

Scorrendo le pagine del bilancio si evince come alla voce “Impianti e macchinario”, nel paragrafo relativo a “immobilazioni e materiali”, quasi 167.000 euro fanno riferimento alla riqualificazione dell’impianto di condizionamento del centro sportivo Vismara. Inoltre, alla voce “risconti attivi” sono presenti “altri risconti” per 5,69 milioni di euro che si riferiscono per 540mila euro al rifacimento del Campo F del centro sportivo e per 1,268 milioni al canone per il Comune di Milano.