Serie A, perché il Milan gioca sabato sera e non domenica

Ecco perché i rossoneri scenderanno in campo sabato contro il Genoa, pur avendo giocato il mercoledì sera in trasferta a Dortmund.

Perché il Milan gioca sabato sera
(Foto: GABRIEL BOUYS/AFP via Getty Images)

Trasferta europea amara per il Milan, che contro il Borussia Dortmund non è riuscito ad andare oltre lo 0-0 nella sfida valida per la seconda giornata della fase a gironi di Champions League. Un risultato che ha portato i rossoneri a quota 2 punti nel gruppo F, al terzo posto dietro il PSG (fermo a 3) e il Newcastle capolista a quota 4.

Ora la squadra di Pioli tornerà in campo nella serata di sabato per affrontare il Genoa in campionato. Un tema – quello del calendario – affrontato dal tecnico rossonero in conferenza. «Sarri ha gli stessi nostri impegni, noi giochiamo sabato sera e loro domenica. Ma non siamo noi che decidiamo, giocare così tanto rischi di avere più infortuni e di abbassare il livello del gioco. Torniamo domani e poi sabato siamo di nuovo a Genoa», ha detto rispondendo a una domanda sugli impegni, questione sollevata dall’allenatore della Lazio.

Perché il Milan gioca sabato sera? La scelta delle emittenti

Ma perché il Milan giocherà sabato sera e non domenica? Da cosa dipende questa decisione? Guardando alle sfide dell’ottavo turno, è evidente che Lazio-Atalanta, Cagliari-Roma e Napoli-Fiorentina dovessero giocare la domenica, essendo almeno una squadra di ognuna di queste sfide impegnata tra Europa League e Conference League.

Gli altri match – che coinvolgono le big Inter, Milan e Juventus – andavano poi suddivise nei restanti slot tra sabato e domenica. Qui è subentrato il tema dei “pick”, la scelta da parte delle pay-tv di quali partite trasmettere nel weekend. Ricordiamo che DAZN manda in onda tutte le gare del campionato, mentre Sky ne fa vedere tre in co-esclusiva e in specifici slot orari.

L’ordine di scelta degli incontri è il seguente:

  • Gara 1 – Esclusiva DAZN
  • Gara 2 – Esclusiva DAZN
  • Gara 3 – Sky/DAZN
  • Gara 4 – Esclusiva DAZN
  • Gara 5 – Esclusiva DAZN
  • Gara 6 – Sky/DAZN
  • Gara 7 – Esclusiva DAZN
  • Gara 8 – Sky/DAZN
  • Gara 9 – Esclusiva DAZN
  • Gara 10 – Esclusiva DAZN

La prima e la seconda scelta sono ricadute su Inter-Bologna e Juventus-Torino, programmate sabato rispettivamente alle ore 15.00 e alle ore 18.00. Sky ha deciso di puntare su Genoa-Milan come piatto forte del suo weekend, oltre a Lecce-Sassuolo e Monza-Salernitana. La sfida dei pugliesi è stata programmata per venerdì sera (ricordiamo che il lunedì non è a disposizione, a causa della pausa Nazionali), slot che non sarebbe stato disponibile per il Milan, considerando l’impegno europeo di mercoledì.

Restavano dunque due opzioni: sabato sera alle ore 20.45 e domenica a pranzo, alle ore 12.30. Ma chi sceglie dove posizionare l’incontro? Dai documenti ufficiali del bando per i diritti tv della Serie A 2021-2024 si legge: «Una volta effettuata la scelta da parte dei Licenziatari dei Pacchetti 1 e 2 di ciascuna delle 10 Gare di ogni singola Giornata, sarà cura degli uffici competenti della Lega Serie A comporre la programmazione televisiva delle Gare oggetto di scelta di ogni singola Giornata collocandole nei diversi slot, compatibilmente con le esigenze sportive».

La scelta dello slot orario resta dunque in capo alla Lega, che cerca di fissare gli incontri tenendo conto di esigenze sportive e televisive. E’ chiaro che – da parte di Sky – la scelta del sabato sera sia premiante in termini di ascolti, motivo per cui la pay-tv di Comcast apprezza generalmente una scelta di questo tipo. Tuttavia, la decisione finale spetta comunque alla Lega Serie A. Per fare un esempio simile, nel quinto turno di campionato la sfida Empoli-Inter (scelta da Sky) fu posizionata domenica alle 12.30. In quell’occasione i nerazzurri avevano giocato il mercoledì sera in Champions, in trasferta a San Sebastiàn.

Perché il Milan gioca sabato sera? Il precedente di Inter-Atalanta

Un altro precedente simile, e con lo stesso esito, risale alla scorsa stagione, quando la sfida tra Inter e Atalanta fu programmata per il sabato sera, dopo che i nerazzurri erano stati impegnati nella finale di Coppa Italia con la Fiorentina il mercoledì sera, allo stadio Olimpico di Roma. Anche in quel caso in molti si chiesero perché la sfida non potesse essere giocata la domenica o addirittura il lunedì, in posticipo.

Si scoprì che, da un lato, Sky preferiva evitare la programmazione per la domenica alle ore 12.30 per evitare che il match si sovrapponesse alla diretta del Gran Premio di Montecarlo, mentre il lunedì (giorno alternativo per il match) erano in programma le celebrazioni per il matrimonio di Lautaro Martinez, che si era sposato in Comune circa una settimana prima. Un evento organizzato da tempo e che vedeva impegnata praticamente tutta la squadra.