Causa a Hong Kong, nuova udienza in vista per Steven Zhang

Nuova udienza in vista a Hong Kong per il presidente dell’Inter Steven Zhang sulla causa da 300 milioni intentatagli da China Construction Bank.

Oaktree compratore Inter
Steven Zhang (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Nuova udienza in vista a Hong Kong per il presidente dell’Inter Steven Zhang. I legali del numero uno nerazzurro infatti dovranno tornare al Tribunale di Hong Kong per una nuova udienza legata alla causa promossa da China Construction Bank, con lo stesso Tribunale che ha condannato Zhang al pagamento di oltre 300 milioni di un prestito non saldato.

Oggi era prevista infatti una udienza a Hong Kong, che ha fissato una nuova data per un nuovo dibattimento che andrà in scena il prossimo 27 novembre per quello che viene definito “Examination of Debtor”, “esame del debitore”, con durata prevista in 180 minuti.

In particolare, in base alla prima richiesta di giudizio, Steven Zhang dovrà davanti a un giudice per quello che appunto viene chiamato “esame del debitore”. In particolare, si legge nei documenti depositati negli USA dai creditori, Zhang sarà “interrogato oralmente per chiedergli se ha debiti, quanti debiti gli sono dovuti e quali altri beni o mezzi ha per soddisfare la sentenza” con cui è stato obbligato a ripagare gli oltre 300 milioni di debiti. Inoltre, Zhang dovrà anche “produrre qualsiasi libro o documento in suo possesso o potere” relativo ai suoi beni e alle sue passività.

Secondo i creditori, si tratta di “un controinterrogatorio” in cui il debitore deve rispondere a tutte le domande “abbastanza pertinenti e poste correttamente” e fornire “tutti i dettagli necessari”. “Questa procedura aiuterà ad accertare quali beni appartengono a Zhang e quali debiti gli sono dovuti, in modo che possano essere utilizzati per soddisfare la sentenza di Hong Kong e il debito che ha nei confronti di China Construction Bank Asia”, si legge ancora nei documenti.

L’esame del debitore di Hong Kong riguarderà:

  • attività, passività, entrate e spese di Zhang, cessioni di attività e trasferimenti di attività da parte di Zhang;
  • i suoi affari; i suoi mezzi per soddisfare la sentenza di Hong Kong;
  • e se Zhang ha strutturato in modo improprio i suoi beni e il suo rapporto con l’Inter per evitare di ottemperare alla sentenza di Hong Kong.

C’è tuttavia un rischio non da poco: in base ai precedenti citati dai creditori, infatti, il rischio è quello del carcere fino a tre mesi. Tuttavia, l’eventuale pena potrebbe essere convertita in pena pecuniaria.