Samp, Ferrero non molla: ricorso contro l’aumento di capitale

L’ex presidente del club doriano non molla: il 25 luglio sarà discusso il ricorso contro l’aumento di capitale.

massimo ferrero
Massimo Ferrero (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Ci sono sviluppi sulla cessione della Sampdoria, con risvolti che potrebbero creare problemi ai nuovi proprietari, Andrea Radrizzani e Matteo Manfredi. L’ex patron Massimo Ferrero ha depositato un ricorso d’urgenza al Tribunale delle Imprese di Genova chiedendo di stoppare futuri aumenti di capitale. La notizia è stata data dall’emittente televisiva ligure Primocanale.

Come detto si tratta di un ricorso d’urgenza dunque in base all’articolo 700 del codice di procedura civile la mossa di Ferrero sarà valutata già nelle prossime settimane. Cosa rischia la Samp ora è difficile da capire.

Il closing per il passaggio di proprietà del club da Ferrero a Radrizzani e Manfredi, è previsto a settembre. La coppia era riuscita durante l’assemblea degli azionisti del 13 giugno a sottoscrivere l’aumento di capitale per salvare il club dal fallimento, dopo aver acquistato quote da un piccolo azionista. Ferrero ha ancora un quota di minoranza. In ballo c’è anche l’accordo di ristrutturazione con i creditori che adesso il tribunale deve omologare e questo ricorso di Ferrero potrebbe creare problemi.

Il ricorso sarà discusso il prossimo 25 luglio: dal club dei nuovi proprietari Andrea Radrizzani e Matteo Manfredi filtra grande fastidio per quella che viene considerata come una manovra di disturbo da parte di Ferrero tesa a bloccare future iniezioni di capitale e quindi a creare turbative rispetto all’omologa del piano di ristrutturazione dei debiti da parte del Tribunale di Genova.