Eredità Berlusconi, attesa per oggi l’apertura del testamento

I figli del fondatore di Fininvest e Mediaset convocati dal notaio per l’apertura del testamento.

Berlusconi
(Foto: Samantha Zucchi / Insidefoto)

Oggi verrà aperto il testamento di Silvio Berlusconi. Come riportato dall’Ansa, i figli hanno convenuto su questa data, con l’intera famiglia convocata dal notaio che conserva le ultime volontà del fondatore di Mediaset e di Forza Italia. Il documento, come anticipato dal Messaggero, è stato aperto questa mattina nello studio del notaio Roveda alla presenza di due testimoni. La lettura del testamento ai figli avverrà, tuttavia, dopo la chiusura dei mercati finanziari.

Con un fatturato delle società controllate o fortemente partecipate superiore ai 5 miliardi e circa 20mila dipendenti totali, Fininvest è al centro dell’attenzione per quanto riguarda la questione eredità.

Il tema centrale della successione resta infatti la divisione del 61% della holding di famiglia che era in diretto possesso di Silvio Berlusconi. Se la ‘legittima’ di un terzo di questa quota venisse assegnata in parti uguali ai cinque figli, la maggioranza di Fininvest farebbe riferimento a Barbara, Eleonora e Luigi, avuti con Veronica Lario. Se invece questa cruciale quota venisse indirizzata verso Marina e Pier Silvio, sarebbero loro ad avere il controllo della holding.

La soluzione potrebbe essere in una via mediana, con assegnazione finale di quote pressoché identiche tra le due parti della famiglia, che comunque non hanno contrasti evidenti, ma con una formula di gestione che necessiterebbe di un consenso ampio per eventuali operazioni straordinarie.

In tutto sul piatto c’è un valore superiore ai due miliardi tra società quotate, i grandi investimenti immobiliari, titoli, opere d’arte e liquidità. Tenendo in considerazione anche quanto e cosa spetterà alla compagna Marta Fascina, non è un passaggio semplicissimo.