Il miliardario finlandese Zilliacus valuta una offerta per l'Inter

L’imprenditore finlandese Thomas Zilliacus sta valutando un’offerta per l’Inter, sulla spinta della finale di Champions League raggiunta.

Investimenti politici italiani
(Foto: Andrea Staccioli / Insidefoto)

L’imprenditore finlandese Thomas Zilliacus sta valutando un’offerta per l’Inter poiché il club attira l’interesse degli investitori internazionali. Lo riporta l’agenzia di stampa Reuters, citando fonti che hanno familiarità con la questione, e che sostengono che la corsa della squadra di Inzaghi alla Champions League abbia dato una spinta a queste mosse. Il manager era presente a San Siro in occasione del derby di ritorno di Champions League contro il Milan, vinto dai nerazzurri per 1-0 con la rete di Lautaro Martinez

L’Inter affronterà il Manchester City a Istanbul il 10 giugno per la conquista del trofeo continentale più ambito. È la prima finale di Champions League dell’Inter da quando Suning ha preso il controllo del club nel 2016. Fuori dal campo, Goldman Sachs e la banca statunitense Raine, che lo scorso anno ha gestito la vendita del Chelsea, sono in trattative con varie parti interessate a investire nella società di Serie A.

L’ex dirigente di Nokia Zilliacus è tra i potenziali corteggiatori. L’imprenditore è emerso quest’anno come potenziale acquirente del Manchester United, ma ha abbandonato la corsa. I consiglieri fisseranno probabilmente una scadenza per un round finale di offerte per l’Inter nelle prossime quattro settimane, mentre una vera e propria intesa potrebbe essere raggiunta in estate.

Zilliacus aveva cercato di acquistare il Manchester United attraverso la sua holding, la XXI Century Capital, prima di ritirarsi ad aprile. Una delle persone vicine all’ambiente ha detto che Zilliacus aveva bisogno di un partner che lo aiutasse a finanziare l’operazione perché non avrebbe potuto permetterselo da solo. XXI Century ha annunciato il mese scorso di essere in trattative con diversi grandi investitori istituzionali e family office di Stati Uniti, Asia e Medio Oriente per raccogliere fondi per opportunità di investimento nel calcio europeo.