Perchè il Barcellona cambia stadio
Camp Nou (Photo by David Ramos/Getty Images)

Il Barcellona si prepara a fare i conti con 100 milioni di ricavi in meno da botteghino con il trasferimento temporaneo a Montjüic. Lo spostamento allo stadio Olimpico si renderà necessario per portare avanti i lavori di riqualificazione dello stadio Camp Nou, nell’ambito del progetto Espai Barça che prevede un restyling dell’impianto e dell’area circostante.

Successivamente, ha spiegato il presidente blaugrana Joan Laporta in un’intervista a Cadena Ser, con il ritorno al Camp Nou nel novembre del 2024 l’entità blaugrana dovrà fare i conti con ulteriori 38 milioni di ricavi mancanti, a causa di una capienza ridotta al 70%. Tuttavia, Laporta ha anticipato che l’anno successivo, con il 100% di capienza a disposizione, si prevede che i ricavi crescano di 151 milioni per la stagione 2025/26.

A ottobre, il vicepresidente Eduard Romeu aveva indicato un calo dei ricavi nell’ordine dei 50 milioni dovuto alla mossa, ma «troveremo la formula per neutralizzarlo». A questo proposito, Laporta ha sottolineato nell’intervista che il club è al lavoro per creare un ambiente a Montjuïc per generare nuovi ricavi con attività nell’anello olimpico.

Il Barcellona pagherà tra i 15 ei 20 milioni di euro al Comune per l’utilizzo della struttura durante la prossima stagione. Questo costo include gli adeguamenti che verranno effettuati intorno alla struttura e l’ammodernamento dei servizi dello stadio, poiché il club si farà carico del 64% di questi investimenti. Complessivamente pagherà 4,6 milioni dei 7,2 milioni previsti per il miglioramento e l’adeguamento delle strutture.

TUTTA LA SERIE A TIM, LA UEFA EUROPALEAGUE, LA SERIE BKT E MOLTO ALTRO SPORT. RIATTIVA DAZN, SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

PrecedenteSerie A: chiusa per un turno la curva della Lazio, rischia il Napoli
SuccessivoJuventus, si dimettono due membri del Collegio Sindacale