Martina Navratilova tumori
(Photo by Sarah Stier/Getty Images)

Martina Navratilova, una delle più grandi tenniste della storia, ha annunciato che le sono stati diagnosticati due tumori, uno alla gola e uno al seno. Quest’ultimo le era stato trovato anche nel 2010 e di conseguenza si era già sottoposta a un trattamento con un ciclo di radioterapia.

L’ex numero uno al mondo ha voluto subito far sentire la propria voce, spiegando di essere intenzionata a lottare con tutte le sue forze: «Questo doppio smacco è grave ma ancora risolvibile. Spero in un esito favorevole. Sarà spiacevole per un po’, ma combatterò con tutte le mie forze».

Navratilova doveva commentare in tv i prossimi Australian Open, al via il 16 gennaio, ma ha deciso di rinunciare a questa opportunità per affrontare al meglio le prossime settimane che le saranno utili per contrastare la malattia.

Un portavoce della vincitrice di 59 titoli dello Slam, sia in singolo che in doppio, ha pubblicato la seguente nota: «A Martina Navratilova è stato diagnosticato un cancro alla gola in stadio uno. La prognosi è buona e Martina inizierà le cure questo mese.

Il tipo di cancro è l’HPV e questo particolare tipo risponde molto bene al trattamento. Martina ha notato un linfonodo ingrossato al collo durante le finali WTA a Fort Worth. Quando non si è sgonfiato, è stata eseguita una biopsia e i risultati hanno evidenziato un cancro alla gola allo stadio uno.

Nello stesso momento in cui Martina si sottoponeva agli esami per la gola, le è stata riscontrata una forma sospetta al seno, successivamente diagnosticata come un tumore, del tutto estraneo al tumore alla gola. Entrambi questi tumori sono nelle loro fasi iniziali. Martina non coprirà gli Australian Open per Tennis Channel dal loro studio, ma spera di poter partecipare di tanto in tanto tramite Zoom».

TUTTA LA SERIE A TIM, LA UEFA EUROPALEAGUE, LA SERIE BKT E MOLTO ALTRO SPORT. RIATTIVA DAZN, SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

PrecedenteInter, si ferma Brozovic: distrazione muscolare
SuccessivoInfantino propone: «Intitolare uno stadio a Pelé in ogni Paese»